Cronaca

Assalti ai tir e ricettazione, trenta condanne nel processo 'Take away'

Condanne comprese tra 5 anni e gli 8 mesi di reclusione per i componenti della banda, finiti in manette nel dicembre 2010. Avrebbero messo a segno almeno 17 colpi, nel barese e in altre città italiane

Si è concluso con trenta condanne a pene comprese tra i 5 anni e gli 8 mesi di reclusione il processo 'Take away' alla banda barese specializzata negli assalti a tir e finita in manette nel dicembre 2010.

LE CONDANNE - Le sentenze sono state emesse oggi dal gup del Tribunale di Bari Antonio Diella al termine del processo con rito abbreviato. Il capo del sodalizio, il 45enne Saverio Magaletti del quartiere San Paolo è stato condannato a 5 anni di reclusione. Promotori dell'associazione per delinquere, insieme a Magaletti, i pregiudicati Onofrio Schingaro, 45enne di Bitritto (condannato a 5 anni di reclusione) e Michele Fiore, 41enne di Bari (condannato a 3 anni e 4 mesi di reclusione).

LE ACCUSE - Le accuse per i trenta imputati sono a vario titolo di associazione per delinquere, rapina, furto e ricettazione. La presunta associazione, stando alle indagini della Procura avviate nel 2007, aveva base operativa a Bari con ramificazioni anche a Foggia, Matera, Salerno, Napoli e Milano. Gli episodi contestati alla banda sono in tutto 17, tra cui il furto, nell'agosto 2007, di un ingente carico di prodotti alimentari nella zona industriale tra Bari e Modugno, per un valore di circa 60mila euro. I tir, stando alle indagini dei carabinieri coordinate dalla Dda di Bari, venivano assaliti mentre erano in sosta lungo le principali arterie stradali italiane. Le merci trafugate (prodotti alimentari, salumi e formaggi prevalentemente, fitosanitari, materiale elettrico e abbigliamento), venivano poi trasportate a Bari e ricettate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assalti ai tir e ricettazione, trenta condanne nel processo 'Take away'

BariToday è in caricamento