Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Assunzioni alla Fiera del Levante, scoppia la polemica sul web

Ritardi negli annunci, informazioni poco chiare e carenti: nella confusione comunicativa delle modalità di candidatura per lavorare in Fiera, infuria in rete la rabbia dei candidati

Non è ancora partita la nuova edizione della Fiera del Levante che sulla rete è già di scena la polemica. Anche quest'anno al centro delle discussioni di moltissimi utenti sono le modalità con cui è stato scelto chi lavorerà a questa edizione della fiera campionaria barese. A nulla è valsa la scelta dell'Ente Fiera di affidare l'incarico a delle società esterne secondo quello che doveva essere “un cambio di tendenza rispetto al passato, con l’obiettivo di eliminare una volta per sempre il sistema clientelare delle raccomandazioni”: queste almeno le intenzioni che si leggono in un comunicato della Fiera del Levante.

Nei fatti, però, la Fiera ha reso pubblici i nomi delle aziende incaricate di occuparsi delle assunzioni solo il 23 agosto e una delle due aziende selezionate, la Bari Congressi e Cultura S.r.l., riaperta dopo la pausa estiva il 27 agosto, il 30 annunciava che i posti erano tutti stati già assegnati. Questo ha scatenato la furia di molti utenti, visto che, secondo le informazioni circolate, il termine ultimo per l'invio delle candidature sarebbe stato il 31 agosto. 

A questo punto molti si sono riversati sui social network scatenandosi contro l'azienda e contro la Fiera. “Peccato che i nomi non sono stati resi pubblici, i requisiti non sono stati resi pubblici... e come al solito è stata una presa in giro”, scrive qualcuno. C'è chi invece si lamenta di come le email inviate all'azienda tornino indietro e chi si chiede “Non era meglio il sorteggio come l'anno scorso?”.

A queste polemiche Eugenio Carabellese della Bari Congressi, ascoltato da BariToday, risponde che “si è creata una situazione molto antipatica, che ci mette in cattiva luce". "Non abbiamo mai parlato di selezione - continua - La fiera ci aveva affidato l'incarico di fornire i lavoratori e noi ci siamo rivolti principalmente a gente di fiducia con cui collaboriamo da anni. Abbiamo poi ovviamente tenuto conto degli oltre 1500 curriculum che ci sono arrivati tramite email, ma non abbiamo mai parlato di una selezione né era prevista nel bando che abbiamo vinto – conclude - A questo punto però chiediamo un comunicato da parte della Fiera che metta in luce la questione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assunzioni alla Fiera del Levante, scoppia la polemica sul web

BariToday è in caricamento