Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Auditorium Rota, si avvicina la riapertura: l'inaugurazione il 25 novembre

Lavori completati: dopo venti anni la struttura è pronta per riaprire le porte al pubblico, ma all'appello mancano i fondi del Ministero. Questa mattina il sopralluogo di Schittulli e Altieri

La data della cerimonia inaugurale è stata già stabilita: il 25 novembre l'Auditorium Nino Rota riaprirà le porte ai baresi, dopo venti anni di chiusura e cinque di lavori.

Questa mattina il presidente della Provincia Francesco Schittulli, insieme al vicepresidente Altieri, ha effettuato un sopralluogo all'interno della struttura, in cui sono stati da poco completati tutti gli interventi di recupero previsti.

"La Provincia di Bari - ha commentato Schittulli - lascia alla Città metropolitana un'eredità preziosa: due prestigiosi contenitori culturali, quali l'Auditorium, completamente restaurato, ed il Museo Archeologico che il 31 ottobre sarà aperto al pubblico. Opere che questa Amministrazione provinciale ha l'orgoglio di aver portato a termine e, dopo decenni di oblio ed abbandono, restituito alla città. L'auspicio - ha concluso - è che chi guiderà la Città Metropolitana possa far tesoro di tali preziose risorse culturali mettendole a disposizione dei cittadini e dell'intero territorio metropolitano".

Per la ristrutturazione, sono stati impiegati circa sette milioni di euro: tre milioni e 600 mila euro stanziati dalla Provincia, un milione e 800mila euro dalla Regione, circa due milioni di euro dal Ministero dell'Istruzione. Proprio il Ministero, tuttavia, non ha ancora corrisposto la somma completa, ma solo 600mila euro. Da qui l'appello di Altieri al Ministero, affinchè sia sbloccata almeno una parte dei soldi ancora da corrispondere. In caso contrario, la ditta che ha effettuato i lavori ha già avvertito che non consegnerà l'opera.

Dopo lo stanziamento del Ministero, potranno partire i collaudi, mentre la riapertura al pubblico è prevista per gennaio. Per quanto riguarda la gestione dell'auditorium, Altieri ha spiegato che l'idea è quella dell'affidamento ad un soggetto privato. In attesa che l'iter per la gestione sia completato, tuttavia, la struttura potrà essere utilizzata sin da subito dall'Orchestra sinfonica della Provincia, che al momento non ha una propria sede.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auditorium Rota, si avvicina la riapertura: l'inaugurazione il 25 novembre

BariToday è in caricamento