rotate-mobile
Cronaca

'Caso Bari' in Commissione Antimafia, l'audizione della giudice Romanazzi: "Sistema assunzioni pilotate in Amtab"

La presidente della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale del capoluogo pugliese ha precisato: "L'azienda non può essere qualificata come impresa criminosa perché l'organo gestionale ha conservato la sua autonomia"

Il settore dell'area soste gestito da Amtab, secondo la Procura di Bari, era "sottoposto a condizioni di assoggettamento e intimidazione perchè il responsabile del settore è stato considerato da Procura e Gip vittima del reato di estorsione i cui autori sarebbero noti esponenti del clan Parisi". E' uno dei passaggi dell'audizione della presidente della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Bari, Giulia Romanazzi, dinanzi alla Commissione Parlamentare Antimafia sul caso Bari e in particolare sulla questione Amtab e sulla decisione di porre l'azienda partecipata di tasporto urbano in amministrazione giudiziaria. 

"Il sistema" nell'azienda, ha detto Romanazzi, "era quello delle assunzioni pilotate. All'interno di Amtab lavorava un dipendente", secondo l'inchiesta Tommaso Lovreglio, "che è il figlio dell'uomo di fiducia del capoclan" di Japigia Savino Parisi. L'impostazione del Tribunale nei confronti di Amtab non è quello di "un'impresa agevolatrice" rispetto a condotte criminose ma "soggiacente", ovvero "che subisce atti intimidatori di natura estorsiva o anche condotte penalmente rilevanti di altra tipologia".

Per Romanazzi "le società interinali assumevano lavoatori proposti dal dipendente controindicato, non attenendosi alle procedure di selezione. Le assunzioni - sostiene - erano arbitrarie e illegali. Le fonti indiziarie sono identificabile in intercettazioni telefoniche e ambientali. Il telefono del dipendente era sottoposto ad atività tecnica di intercettazione" che "era anche ambientale perchè pure l'autovettura era monitorata".

Per Romanazzi si presuppone, dunque, che l'azienda non possa "essere qualificata come impresa criminosa perché l'organo gestionale ha conservato la sua autonomia", aggiungendo che, nel caso di presunte infiltrazioni nell'azienda, si potrebbe parlare di "contagio blando".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Caso Bari' in Commissione Antimafia, l'audizione della giudice Romanazzi: "Sistema assunzioni pilotate in Amtab"

BariToday è in caricamento