menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Covid preoccupa Toritto, più di cento i contagiati. Il sindaco chiude scuole e parchi: "Situazione seria"

L'ordinanza del primo cittadino, Pasquale Regina, in vigore fino al 30 ottobre, alla luce dell'andamento dei nuovi casi: "Numero considerevole vista la popolazione torittese, indice di contagio molto alto"

Scuole, parchi, circoli culturali, sale gioco chiusi fino al 30 ottobre. E' la decisione presa, con un'ordinanza, dal sindaco di Toritto, Pasquale Regina, in seguito alla crescita importante di casi Covid registrata nella cittadina. "La situazione sanitaria a Toritto è molto seria", ha spiegato il primo cittadino parlando in diretta Fb: il numero dei contagiati - ha riferito Regina - si aggira tra i 100 e 110, "un numero considerevole vista la popolazione torittese, indice di contagio molto alto", ha sottolineato il sindaco.

Di qui l'ordinanza che impone la chiusura di "tutte le scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole paritarie", la chiusura "dalle 18 alle 5 dei distributori h24 che erogano bevande e alimenti", "il divieto di vendita per asporto di qualsiasi bevanda alcolica da parte di tutte le tipologie di esercizi pubblici, nonché da parte degli esercizi commerciali e delle attività artigianali dalle ore 18 alle 5" (consentiti invece l'attività di asporto - escluse le bevande alcoliche - e il servizio ai tavoli fino alle 24 con massimo 6 posti per tavolo e il servizio a domicilio senza limiti orari). Prevista ancora la "chiusura di tutti i circoli culturali, sociali e ricreativi, di tutte le sale gioco, sale scommesse e bingo", "la sospensione del gioco operato con dispositivi elettrici del tipo 'slot machines', comunque denominati, situati all'interno degli esercizi pubblici, degli esercizi commerciali e di rivendita monopoli". Infine, l'ordinanza stabilisce "il divieto di accesso ai parchi e giardini comunali del centro urbano di Toritto e ai giardini di piazza Aldo Moro e allo slargo di piazza Vittorio Emanuele III. E' fatto salvo, tuttavia, l'accesso alle predette piazze  in caso di occupazione di suolo pubblico a mezzo di tavoli e sede per i pubblici esercizi autorizzati".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento