Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

Puglia, aumentano gli incendi. L'appello ai cittadini: "Collaborate, segnalate i reati"

In Regione l'incontro per fare il punto sull'andamento della campagna antincendi boschivi 2012. Rispetto agli precedenti, si riduce la superficie media andata in fumo, ma aumenta il numero di roghi

La superficie media andata in fumo si riduce, ma il numero di incendi aumenta in maniera preoccupante. E' questo, in sostanza, quanto emerge dal primo periodo (15 giugno-22 luglio) di attività della campagna antincendio boschivi 2012 della Regione Puglia. A fare il punto,  questa mattina, il presidente della giunta regionale, Nichi Vendola, dall'assessore regionale alla Protezione civile, Fabiano Amati, dal direttore regionale dei Vigili del fuoco, Michele Di Grazia, dal comandante regionale del Corpo forestale dello Stato, Giuseppe Silletti, e dal direttore dell'Arif (agenzia regionale per le attività irrigue e forestali), Giuseppe Maria Taurino.

"C'é stata un'impennata superiore a tutte le medie degli anni precedenti anche se - ha spiegato Amati - la superficie media andata in fumo è diminuita. Abbiamo registrato 6 grandi incendi (Gravina, Minervino-Spinazzola, Palagiano, Ginosa, Vieste e San Marco in Lamis) e più di uno d'interfaccia, che sono tra i più preoccupanti lambendo insediamenti urbani ed infrastrutture". Ad aumentare soprattutto gli incendi boschivi, che da soli sono stati 474, oltre il doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre gli interventi aerei sono stati 105.

E sa da una parte il sistema per la lotta agli incendi boschivi è stato potenziato (con 2.800 uomini e 360 messi impiegati), restano i costi altissimi dell'attività di contrasto (5 milioni di euro) a episodi che sono nella gran parte dei casi - ha sottolinenato Amati - "frutto di reati". Proprio per questo l'assessore alla Protezione civile ha rinnovato e rafforzato l'invito per tutti i cittadini a collaborare, anche in forma anonima, con le autorità per segnalare eventuali reati e fornire informazioni utili all'individuazione di chi compie tali reati. "Il nostro scopo - ha dichiarato Amati - è quello di raggiungere un livello di collaborazione tra istituzioni e cittadini che possa servire, per le prossime stagioni, ad evitare questa ondata insopportabile e incivile".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puglia, aumentano gli incendi. L'appello ai cittadini: "Collaborate, segnalate i reati"

BariToday è in caricamento