L'auto dell'amministrazione comunale parcheggia davanti allo scivolo per disabili. Caradonna (Anmic): "Un pessimo esempio di civiltà"

La nota del presidente dell'Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili in seguito all'episodio segnalato e fotograto da una cittadina: "Chi di dovere si attivi immediatamente affinché i responsabili siano individuati e sanzionati"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

"Prendiamo spunto da una fotografia pubblicata su FB dalla cittadina barese Marilù, che mostra un'auto del Comune di Bari, parcheggiata dinanzi ad uno scivolo per disabili, impedendone l'utilizzo, per ribadire come ANMIC (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili) la nostra indignazione in generale per certe azioni irrispettose nei confronti di chi è costretto ad utilizzarli ogni giorno, in particolare, quando vengono espletate da parte di dipendenti di una Amministrazione comunale "Bari per bene", restiamo a dir poco esterefatti e, con un profondo senso di vergogna per tanta superficialità e indifferenza".

A parlare è Michele Caradonna, presidente dell'ANMIC Bari, che in un comunicato spiega: "Ogni giorno portiamo avanti vere e proprie battaglie a tutela e difesa di una categoria ancora molto fragile, che non viene affatto rispettata. Purtroppo ancora oggi prendo atto, della grande difficoltà che incontriamo nel sensibilizzare le amministrazioni pubbliche alle problematiche della mobilità cittadina per le persone con disabilità fisiche. Non è affatto semplice far comprendere l'importanza di come debbano essere tecnicamente concepiti gli scivoli per strada, o la necessità di dotare tutti i mezzi pubblici di pedane per l'accesso alle carrozzelle, e potrei continuare ancora. Il nostro impegno non si ferma mai e non lascia spazio a false promesse o impegni disattesi. I diversamente abili sono cittadini che meritano rispetto e attenzione e, noi lavoriamo con fatica per l'affermazione dei loro diritti. Con questo desidero esprimere tutto il mio sdegno e la mia rabbia per il parcheggio selvaggio, incivile e per la poca attenzione da parte di alcuni dipendenti dell'amministrazione comunale, verso questi comportamenti abominevoli. Purtroppo non è la prima volta che vengono denunciate sia da noi che dai cittadini comuni, voglio infatti ricordare l'episodio di qualche tempo fa che riguardò l'auto della polizia municipale (la vettura n°72) fotografata in piazza Gramsci, nel quartiere Japigia di Bari, di fronte a uno degli ingressi del lido Pane e pomodoro, sullo sbocco dello scivolo invalidi per quasi due ore. La beffa fu che l'allora comandante dei vigili urbani Stefano Donati, tentò una bieca alquanto discutibile risposta: 'La macchina non è in divieto perché non sullo sbocco dello scivolo invalidi ma accanto allo sbocco, che è la zona vietata dal codice della strada. Infatti l'auto parcheggiata davanti allo sbocco è stata contravvenzionata'. Spero che chi deve, oggi, si attivi immediatamente affinché i responsabili siano individuati e sanzionati, come giustamente accadrebbe per qualsiasi cittadino se sorpreso nel parcheggio selvaggio".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento