Autovelox incastra barese: 153 km/h fatali all'uomo, era intestatario di 8 veicoli con targhe e telai fantasma

Le indagini della Locale partite da un rilevamento sulla SS16, che ha immortalato una Opel con targa risultata alterata: gli agenti sono riusciti a risalire all'intestatario, che possedeva a suo nome altri sette veicoli. L'uomo è stato denunciato, contestate violazioni al codice della strada per oltre 5mila euro

Risultava proprietario di otto veicoli, sei autovetture e due autocarri, ma si trattava in realtà di intestazioni fittizie. L'uomo, un ultrassessantenne barese, è stato scoperto dalla Polizia locale.

Le indagini sono scattate dopo un rilevamento con autovelox avvenuto a maggio scorso sulla statale 16: era stata immortalata una Opel Insigna che viaggiava a 153 km/h, ma la targa, contraffatta nei caratteri alfanumerici, era in realtà associata ad una Fiat Panda. 

Grazie alla ricostruzione delle immagini con l'utilizzo di software specifici per tali indagini, gli uomini della Polizia Locale sono riusciti a ricostruire la vera targa del veicolo e il responsabile della violazione.

Dalle indagini e a seguito degli accertamenti svolti nei mesi successivi l'uomo intestatario del mezzo, un barese ultrasessantenne senza precedenti penali, è poi risultato intestatario fittizio di altri 7 veicoli, e tra questi, due delle autovetture rintracciate risultavano con targhe contraffatte e con telai di veicoli non corrispondenti ai dati di immatricolazione associati alle targhe apposte.  L'uomo è stato denunciato all'autorità giudiziaria per induzione in errore del pubblico ufficiale poiché determinava un falso ideologico nelle trascrizioni nei Pubblici Registri oltre all'addebito di diverse violazioni previste dal codice della strada per intestazioni fittizie di veicoli.

Le violazioni al cds accertate per un totale di 5.295 euro sono state tutte regolarmente contestate. Per i mezzi fittiziamente intestati sono inoltre state avviate le procedure di radiazione ai sensi dell'art. 94 bis del codice della strada. Indagini ancora in corso. Quasi tutti i veicoli finora rintracciati risultavano aver circolato senza coperture assicurative.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine, sottolineano dalla Polizia locale, ha permesso di togliere dalla circolazione 8 veicoli "che potenzialmente potevano essere utilizzati perfino perseguendo altre attività criminose. Quello  delle intestazioni fittizie è un fenomeno sempre più diffuso e spesso sottende pratiche di occultamento di beni di proprietà di soggetti sconosciuti al fisco che pur non essendone proprietari invece realmente li utilizzano avendone la materiale disponibilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 100: coinvolte 5 auto e un furgone, otto feriti. Aggredito soccorritore del 118

  • L'alga tossica 'invade' il litorale di Bari e dintorni: valori alti in città e in alcune località della provincia

  • In Puglia 20 nuovi casi di Covid, 4 nel Barese. Il dg dell'Asl: "Due nuclei familiari contagiati"

  • Dieci nuovi casi di covid in Puglia e nessun decesso. Un positivo in più nel Barese

  • "Il Covid colpisce anche d'estate. Sbagliato salutare con baci e abbracci": l'infettivologa invita a non abbassare la guardia

  • "Paga 50mila euro o bruceremo gli ulivi e faremo del male ai tuoi familiari": cinque baresi in manette dopo il blitz

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento