Sparite a Giovinazzo e cannibalizzate ad Andria: scoperti rottami di auto rubate, due arresti

In manette un 41enne e un 43enne, sorpresi in contrada 'Femmina Morta' mentre armeggiavano sui due veicoli, dai quali sono state asportate numerose parti

I Carabinieri hanno arrestato un 41enne originario del Marocco e un 43 del Sudan, entrambi in Italia senza fissa dimora, accusati di ricettazione e riciclaggio dopo essere stati scoperti mentre armeggiavano con pinze e cacciaviti sulle carrozzerie di due auto all'interno di un casolare diroccato in contrada 'Femmina Morta', alla periferia di Andria. I militari, allertati da voci provenienti dalla struttura, hanno sorpreso i due che hanno tentato una fuga a bordo di un ciclomotore, finendo a terra a causa del terreno accidentato. I primi accertamenti sui veicoli hanno consentito di risalire alla provenienza delle due auto, già in parte smontate, rubate nei giorni scorsi a Giovinazzo da ignoti. Anche la moto sulla quale i due hanno provato a fuggire era stata rubata e aveva il telaio accuratamente abraso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Marito e moglie affetti da covid morti a distanza di 4 giorni, Bitonto in lutto

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

Torna su
BariToday è in caricamento