Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

Tra gli ulivi il 'deposito' delle auto rubate, tre arresti per ricettazione a Molfetta

I mezzi, tutti di grossa cilindrata, rubati negli scorsi mesi tra Palo e Bitonto, sono stati scoperti dai carabinieri attraverso dei controlli effettuati in elicottero. In manette sono finiti un 18enne, un 21enne e un 33enne

Nascondevano le auto rubate in campagna, tra gli ulivi. Lì le smontavano, per ricavare i pezzi di ricambio da smerciare sul mercato nero, oppure le tenevano nascoste, mettendo in atto la pratica del "cavallo di ritorno": contattavano il proprietario, chiedendo denaro in cambio della restituzione del mezzo. Ma la loro 'attività', messa in piedi nelle campagne del nord barese, non è sfuggita ai carabinieri della Compagnia di Molfetta, che nel corso di una serie di controlli effettuati in elicottero sono riusciti ad individuare il 'deposito' delle auto, tutte di grossa cilindrata, risultate rubate nei mesi scorsi a Palo e Bitonto.

I CONTROLLI IN ELICOTTERO: GUARDA IL VIDEO

Monitorando la situazione dall'alto, i carabinieri sono riusciti anche ad intercettare i malviventi, bloccandoli nel momento in cui, giunti a bordo di un'auto, si accingevano a dare inizio alle operazioni di smontaggio di tre vetture rubate nei giorni precedenti. I tre - un 18enne, un 21enne e un 33enne, tutti di Bitonto - hanno tentato la fuga, ma sono stati bloccati dai carabinieri, che li hanno arrestati con l'accusa di ricettazione e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Dopo la convalida dell’arresto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, il 33enne e stato collocato ai domiciliari mentre i due complici rimessi in libertà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra gli ulivi il 'deposito' delle auto rubate, tre arresti per ricettazione a Molfetta

BariToday è in caricamento