Nuovi impianti di autoclave per 97 palazzine popolari: lavori al via a San Pio e Santo Spirito

Gli interventi di installazione o sostituzione hanno preso il via in questi giorni: per l'operazione sono stati investiti 770mila euro di fondi comunali

Hanno preso il via questa settimana gli interventi di installazione e sostituzione degli impianti di autoclave che interesseranno 97 edifici di edilizia residenziale pubblica nei quartieri San Pio (72 palazzine) e Santo Spirito (25). I primi cinque - fanno sapere da Palazzo di Città - sono già stati portati a termine.

Ogni singola operazione prevede l’installazione di un gruppo di pressurizzazione composto da due pompe con quadro di scambio automatico, la collocazione di una cisterna autoclave per il mantenimento della pressione costante e la posa di serbatoi in acciaio inox per l’accumulo dell’acqua potabile.

“Da quando sono stato chiamato a svolgere questo ruolo - commenta Pierluigi Introna - l’installazione o la sostituzione dell’autoclave rappresenta ovviamente una delle questioni più sentite dai cittadini che alloggiano in appartamenti dell’edilizia residenziale. Per questo abbiamo dato il via ad un’operazione così consistente che potrà migliorare concretamente la qualità della vita di migliaia di persone”.

L’importo complessivo dei lavori, che termineranno entro l’inizio della stagione estiva, ammonta a 770mila euro di fondi comunali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento