Cronaca

Autofficina non autorizzata in un capannone, di fianco una discarica con rifiuti speciali: scattano i sigilli

L'area nell'agro di Acquaviva delle Fonti è stata attenzionata dalla polizia stradale: i titolari dell'impresa abusiva hanno ricevuto una pesante multa

Avevano messo in piedi un'officina in un capannone agricolo, senza però avere i permessi di legge. A scoprire l'attività abusiva ad Acquaviva delle Fonti, è stata la polizia stradale, che ha sanzionato i responsabili con una multa di 5164 euro, sequestrando anche l'attrezzatura presente. In particolare, gli agenti hanno scoperto che l'autofficina eseguiva lavori di meccanica e carrozzeria, senza che i meccanici impiegati risultassero in possesso della qualifica di responsabile tecnico. 

In un'area attigua al capannone, è stato poi scoperto un deposito abusivo contenente rifiuti speciali altamente inquinanti (ricambi ferrosi, pezzi di meccanica, numerosi contenitori di oli esausti, batterie e filtri dell’olio). È stata perciò anche sequestrata l'area della discarica. "È bene ricordare, tuttavia- spiegano dalla Stradale - che chiunque si serva di un'officina è tenuto a verificare che essa sia autorizzata. Infatti, anche i proprietari delle automobili presenti nell'officina - in fase di riparazione - incorrono in una sanzione amministrativa di euro 86".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autofficina non autorizzata in un capannone, di fianco una discarica con rifiuti speciali: scattano i sigilli

BariToday è in caricamento