Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Monopoli

Autorizzazione alle emissioni scaduta da 13 anni, ma lo stabilimento era ancora attivo: scatta il sequestro

Blitz del personale del Nopa della Guardia Costiera in un'azienda di Monopoli che produce materiale plastico. L'operazione è stata denominata #vogliamorespirare02

Sigilli della Guardia Costiera di Bari a uno stabilimento industriale che produce materiale plastico di Monopoli. Il Personale del Nucleo operativo di polizia ambientale (Nopa), è intervenuto in esecuzione di un decreto di sequestro emesso dal gip del Tribunale di Bari su richiesta dei magistrati del 'Pool ambiente' della Procura di Bari, coadiuvati dal personale della Guardia Costiera applicato alla Sezione di polizia giudiziaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’attività d’indagine svolta ha permesso di accertare che il gestore dell’opificio, esteso complessivamente su una superfice di oltre 21mila metri quadri, svolgeva la propria attività industriale senza l'autorizzazione alle emissioni in atmosfera. Più precisamente, i militari del Nopa hanno accertato che, seppur l’obbligatoria autorizzazione in possesso della Società era scaduta, ormai, da ben 13 anni (nel luglio 2007), l’industria oggetto d’indagini non aveva mai sospeso la propria produzione, ne richiesto il rinnovo della autorizzazione, obbligatoria ai sensi dall’art. 269 del D.L.vo 152/2006 in quanto il ciclo produttivo richiedeva l’utilizzo di ben tre punti di emissione in atmosfera (camini).

L’operazione è stata denominata #vogliamorespirare02, e deriva dalle segnalazioni dei cittadini di Monopoli che, negli ultimi mesi hanno esposto, all’esterno delle proprie abitazioni, drappi e cartelli recanti l’hashtag “vogliamorespirare. "La misura cautelare eseguita in data odierna fa parte dello stesso filone d’indagine che nel mese di aprile - spiegano dalla Guardia costiera - ha portato al sequestro di un altro stabilimento industriale monopolitano, per il quale, tutt’ora, permane il sequestro – che riciclava rifiuti speciali plastici in spregio a numerose normative ambientali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autorizzazione alle emissioni scaduta da 13 anni, ma lo stabilimento era ancora attivo: scatta il sequestro

BariToday è in caricamento