Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Baby gang picchia a sangue due studenti: arrestato il capo, denunciati complici

L'episodio a febbraio scorso nei pressi della stazione di Acquaviva. I bulli avevano aggredito con schiaffi e pugni i due ragazzi, 'colpevoli' di non aver saputo pronunciare uno scioglilingua. Il capo della banda, di Adelfia, è finito in manette. Altre tre complici, minorenni, sono stati denunciati

In quattro avevano aggredito due coetanei, colpendoli con schiaffi e pugni fino a lasciare esanime a terra uno di loro. Per quell'episodio, avvenuto a febbraio scorso nei pressi del sottopassaggio ferroviario di via Monteschiavo ad Acquaviva Acquaviva, i carabinieri hanno arrestato un 18enne di Adelfia,  ritenuto il 'capo' della baby gang, e denunciato i suoi complici, tre minorenni.

Lo scorso 19 febbraio, dopo essere usciti da scuola, i due studenti stavano raggiungendo la fermata del bus attraversando il sottopassaggio ferroviario, quando erano stati avvicinati dalla baby gang con la richiesta di una sigaretta. Poi i bulli avevano intimato ai due ragazzi di pronunciare uno scioglilingua, quindi era scattata l'aggressione: una raffica di schiaffi e pugni, fino a lasciare a terra svenuto uno dei due studenti. In seguito al pestaggio, uno dei due ragazzi ha riportato 30 giorni di prognosi e ha dovuto subire anche una delicata operazione chirurgica all’occhio sinistro, mentre l’altro amico ha  riportato lesioni al volto giudicate guaribili in qualche giorno.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della locale Stazione che, dopo aver soccorso i giovani le cui condizioni sono apparse subito gravi, sono riusciti in poco tempo, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bari, ad identificare i quattro, peraltro giovani frequentatori dello stesso comprensorio scolastico delle vittime, raccogliendo sul loro conto numerosi elementi di responsabilità in merito all’aggressione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baby gang picchia a sangue due studenti: arrestato il capo, denunciati complici

BariToday è in caricamento