Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Banche del tempo, la solidarietà come risposta alla crisi economica

Tempo e disponibilità le 'monete di scambio' di questi speciali istituti di credito, che si stanno affermando anche sul nostro territorio. In Provincia il convegno nazionale per fare il punto della situazione e tracciare le prospettive di sviluppo

In Puglia sono in tutto 16, 7 nella sola provincia di Bari. Istituti di credito molto speciali, in cui ciascuno ha il proprio conto corrente, ma non vi deposita denaro bensì tempo e disponibilità di scambiare con gli altri 'clienti'. Sono le Banche del Tempo, un esperimento di solidarietà sociale in cui ciascuno mette a disposizione degli altri il proprio tempo e le proprie capacità. Così, per fare un esempio, chi chiede e prende lezioni di inglese, può ricambiare offrendo aiuto per svolgere un'incombenza quotidiana, come fare la spesa o pagare le bollette.

Una realtà fatta dunque di scambio, di collaborazione e solidarietà, che in Puglia si sta gradualmente affermando e che vede protagonisti soprattutto uomini e donne tra i 50 e i 60 anni.

Per fare il punto della situazione e discutere delle prospettive future di questo nuovo tipo di organizzazione, i promotori delle diverse banche del tempo italiane si sono dati appuntamento alla provincia di Bari per il convegno nazionale “Banca del Tempo: una risposta solidale alla crisi economica e sociale?”, promosso dall’Assessorato alle Politiche Sociali e dall’Associazione Nazionale delle Banche del Tempo, in collaborazione con la Consigliera di Parità  della  Regione  Puglia, la Consigliera di Parità della Provincia di Bari, il Coordinamento delle Bdt della Provincia di Bari, la Bdt “Vola in Tempo Bari”, la Bdt “I Solidali nel tempo”.

Nell’ambito del convegno sono state anche illustrate le attività della Banca del tempo “I Solidali nel Tempo” fondata da dipendenti ed ex dipendenti della Provincia di Bari e dall’Università Popolare Pugliese per la terza e libera età che conta quasi duecento iscritti con l’obiettivo di ridurre il divario generazionale tramite scambio di idee ed esperienze, instaurare rapporti interpersonali finalizzati al miglioramento della qualità della vita e soddisfare i bisogni di beni e servizi.


Le Banche del Tempoha affermato il Presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli nel corso dell’incontro - rappresentano uno strumento importante contro la crisi economica e sociale e creano un capitale straordinario di saperi, cultura, rapporti tra persone. Tutti valori che non si svalutano, non possono essere rubati e sono disponibili per tutti, gratuitamente. Lo scambio del tempo aiuta inoltre a creare fiducia e coesione sociale in un’epoca come questa, di profonda incertezza e crisi, non solo economico – finanziaria, ma anche etico - morale”. Nel corso del convegno sono intervenuti anche l’Assessore alle politiche sociali della Provincia di Bari, Rosanna Lallone, Dirigente Servizio Politiche Sociali della Provincia di Bari, Maria Luisa Petrucci, Presidente Associazione Nazionale Banche del Tempo, Gianni Annoscia, Coordinamento Banche del Tempo Provincia di Bari “I solidali”, Serafina Gelao, Presidente Coordinamento Banche del Tempo di Bari, Luigi Agostini, vice Presidente nazionale Federconsumatori, Sabino Di Chio, Università degli Studi di Bari, Teresa Zaccaria, Consigliera di parità della Regione Puglia, Stella Sanseverino, Consigliera di parità della Provincia di Bari e Tiziana Corti, Politiche di benessere e pari opportunità della Regione Puglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banche del tempo, la solidarietà come risposta alla crisi economica

BariToday è in caricamento