Cronaca

"Diritti a scuola", un bando da trenta milioni di euro per le scuole pugliesi

Presentata in Fiera la terza edizione del bando regionale che prevede il finanziamento di progetti volti a contrastrare l'abbandono scolastico e a favorire lo sviluppo di competenze da parte degli allievi negli istituti di primo e secondo grado

Mentre il nuovo anno scolastico si avvia tra proteste e disservizi legati ai tagli imposti agli istituti dalle recenti disposizioni del Ministro Gelmini, un bando regionale promette di distribuire nelle scuole pugliesi circa 30 milioni di euro per progetti finalizzati a contrastare il fenomeno della dispersione scolastica.

Il bando "Diritti a scuola", incluso nel Piano straordinario per il lavoro e in partenza a fine settembre, è stato presentato ieri nel padiglione 152 della Fiera del Levante dal presidente della Regione Nichi Vendola, l’assessore regionale alla Formazione, Alba Sasso, il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, Lucrezia Stellacci, i sociologi Gabriella Sforza e Daniele Petrosino che hanno realizzato un rapporto di valutazione sul progetto.

«La scuola educa e si educa: tira fuori da ogni famiglia la tendenza alla trasformazione e aiuta a combattere la guerra contro la dispersione scolastica. Un bambino che si perde è una gigantesca diseconomia: recuperarlo ha un valore incommensurabile». Così il governatore Vendola ha presentato il progetto, che permetterà, secondo stime fatte dalla Regione, l'occupazione di oltre duemila lavoratori tra docenti e personale Ata (amministrativi, tecnici e ausiliari).

In particolare, durante la presentazione del bando, si è fatto accenno alle performance mediocri registate dalla Puglia nelle classifiche dell’indagine Ocse-Pisa nei test dell’Invalsi. Risultati che hanno cominciato a far registrare un'inversione di tendenza a partire dal 2009.

«Diritti a scuola – ha aggiunto Sasso - è una delle più significative buone pratiche in Italia che ha certamente contribuito a realizzare i risultati nelle recenti indagini sulle competenze dei nostri studenti. Siamo convinti che questa terza edizione consoliderà ulteriormente i buoni risultati delle precedenti».
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Diritti a scuola", un bando da trenta milioni di euro per le scuole pugliesi

BariToday è in caricamento