Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Informatizzazione pagamento mobilità: approvata la sperimentazione

L'amministrazione del Comune di Bari ha aderito alla sperimentazione del progetto 'Bari Digitale 2.0'. Con esso si potranno effettuare i pagamenti di sosta e ticket per i mezzi pubblici con smartphone e internet

Potrebbe essere una vera e propria rivoluzione tecnologica in ambito di mobilità quella che è stata approvata, in via sperimentale, dal Comune di Bari: l'amministrazione cittadina, infatti, rende noto di aver aderito alla sperimentazione del progetto 'Bari Digitale 2.0', un progetto creato per il pagamento mobile dei servizi di trasporto urbano e della sosta all'interno delle strisce blu. Tale progetto, sviluppato dalla società specializzata nella progettazione e nello sviluppo di tecnologie software Exprivia, avrà come obiettivo, attraverso l’utilizzo di applicazioni per smartphone con dispositivi GPS e connessione Internet, il miglioramento del livello di fruibilità dei mezzi pubblici e la semplificazione del pagamento della sosta.

Nella fattispecie, 'Bari Digitale 2.0' prevede la dematerializzazione dei titoli di viaggio per il trasporto pubblico, il pagamento elettronico degli stessi e il controllo elettronico da parte dei verificatori, il pagamento elettronico della sosta senza l’uso del tagliando cartaceo e la semplificazione del controllo della validità della sosta da parte degli ausiliari del traffico o dei vigili urbani. Il periodo di sperimentazione del progetto avrà una durata di due anni, periodo entro il quale il sistema verrà sviluppato e testato, senza nessun onere pecuniario per il Comune visto che questo sarà a pieno carico dell'Exprivia.

"L’amministrazione comunale di Bari - ha dichiara in merito l’assessore all’Innovazione e informatizzazione Annabella De Gennaro - intende utilizzare tutte le possibilità offerte dalle nuove tecnologie per semplificare la vita del cittadino. Il progetto presentato da Exprivia è molto articolato e ruota intorno al concetto di “Città digitale”. Abbiamo scelto di avviare la sperimentazione partendo dal settore mobilità, per sondare gli effetti positivi delle nuove applicazioni su pratiche comuni come l’acquisto dei biglietti dell’autobus e dei grattini per la sosta. Bari - seguita la De Gennaro - compie così un altro passo in avanti per divenire una Smart City, ovvero un luogo che sa cogliere le innovazioni e tradurle in buone pratiche”.

“Questo progetto - ha seguitato il consigliere incaricato del sindaco alla Mobilità Antonio Decaro - rappresenta un ulteriore sforzo per fare in modo che il sistema della mobilità urbana sia al passo coi tempi. Grazie ad innovazioni di questo genere possiamo aumentare la fruibilità del trasporto pubblico e renderlo più efficiente, apportando benefici non solo alla vita quotidiana dei cittadini ma anche alla qualità dell’aria. Infatti, se il cittadino viene messo nelle condizioni di utilizzare più agevolmente i mezzi pubblici, di fatto è spinto a lasciare più facilmente la propria autovettura in favore dei mezzi del trasporto pubblico”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Informatizzazione pagamento mobilità: approvata la sperimentazione

BariToday è in caricamento