Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca San Girolamo - Fesca / FIERA DEL LEVANTE PAD. 164

Patroni Griffi: "Fiera, sei sulla strada giusta". Per Emiliano "Sì ai privati, anche stranieri"

Presentato il bilancio dell'edizione numero 77: in aumento espositori e visitatori a fronte di una riduzione dei costi. Domani incontro a Roma tra Fdl ed Invitalia sulla privatizzazione

"Chi fa impresa deve avere il coraggio del cambiamento, la via che abbiamo imboccato è corretta". Ugo Patroni Griffi, presidente della Fiera del Levante, traccia un bilancio decisamente positivo dell'ultima edizione della Campionaria, in controtendenza rispetto alle annate precedenti: tanti segni più e una riduzione dei costi ampliano il respiro dell'evento, in attesa delle novità riguardanti la gestione dell'Ente, con all'orizzonte la volontà di privatizzarlo da parte dei soci istituzionali.

La 77° Fiera del Levante presenta numeri in positivo per quanto riguarda gli espositori (+27%), la superficie espositiva (+21%) e gli ingressi totali (+18% a quota 232mila), a fronte di una riduzione dei ricavi (-9%) e dei costi (-29%). "Avevamo una mission - ha spiegato Patroni Griffi - . L'intesa è stata immediata con i miei collaboratori. Non credo ci sia una gestione pubblica corale come quella della Fdl dove ciascuno fa a gara per dare una mano. Per 77 edizioni c'è stata una diarchia tra Presidente e Dg, ora c'è un potere diffuso perchè a questo si affianca un Ad (Lorenzo De Santis, ndr) che ringrazio pubblicamente per l'attività minuziosa sulla gestione dei conti. Tutti hanno fatto squadra".

Soddisfatto anche il sindaco di Bari, Michele Emiliano: "Un successo senza se e senza ma. Si è ricreato un meccanismo di riappropriazione della Fiera. I baresi hanno una capacità di esprimere il loro assenso o dissenso attraverso la partecipazione. Piccoli elementi hanno recuperato la 'fierezza' della Fiera e per i baresi è importante. Nel giro di poco tempo abbiamo liberato la grande energia che c'è attorno a questo evento realizzando una nuova visione per il futuro. Questa edizione è la più vicina all'idea dell'amministrazione comunale".

Il vicepresidente della Provincia, Altieri, rilancia invece su tagli e privatizzazione dell'Ente: "I successi di quest'anno sottolineano gli insuccessi delle scorse edizioni. Se festeggiamo è perchè c'è un 30% di costi. La Campionaria fa parte della tradizione e del dna dei baresi ma la vera sfida comincia da oggi".

Proprio su questo aspetto domani, ha annunciato il presidente della Fiera, Patroni Griffi, si terrà un incontro a Roma con i rappresentanti di Invitalia, la società con la quale è stato siglato, durante la Campionaria, un patto che porterà entro gennaio alla definizione delle strategie per permettere l'ingresso di soci privati: "Non importa la nazionalità - aggiunge il sindaco Emiliano - la privatizzazione sarà della gestione, non del patrimonio. Il Comune ha sempre tutelato la Fiera in questo luogo consentendone la trasformazione. E' l'asset fondamentale della Fiera del Futuro, allargandosi ai grandi eventi. Non è la provenienza degli investitori che farà venire meno il carattere barese della Fiera”.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patroni Griffi: "Fiera, sei sulla strada giusta". Per Emiliano "Sì ai privati, anche stranieri"

BariToday è in caricamento