Japigia, la Biblioteca Aperta "funziona, ma a qualcuno ciò non interessa"

Fiorella Mastromarino, fautrice dell'iniziativa, risponde alle critiche del capogruppo Pdl della V Circoscrizione, Sgambati: "La struttura gode di ottima salute richiamando lettori e curiosi da tutta la città"

"La Biblioteca Aperta di Japigia gode di ottima salute richiamando lettori e curiosi da tutta la città. A qualcuno questo non interessa e preferisce creare allarmismi sociali seminando malessere nei cittadini già sofferenti per criticità contingenti". Fiorella Mastromarino, presidente della commissione 'Risorse e qualità della Vita' della V Circoscrizione Japigia-Torre a Mare e ideatrice del progetto realizzato e inaugurato il 7 giugno scorso all'Arena Giardino di via Caldarola, respinge le critiche mosse dal capogruppo Pdl in Consiglio, Claudio Sgambati che aveva giudicato l'iniziativa fallimentare con gli armadietti a rischio “per l’umidità” e gli scaffali vuoti destinati a Torre a Mare “abbandonati in un deposito della stessa Arena”.

La Biblioteca Aperta è un'idea importata da realtà europee come Vienna, Bonn e alcune città scandinave: scaffali a disposizione di tutti, dove portare i propri libri e prenderne alcuni, senza obbligo di restituzione, senza doversi registrare. Il booksharing è una novità assoluta dalle nostre latitudini ed è, per Mastromarino “un'idea socialmente molto democratica che incentiva la lettura”. Nella struttura di Japigia è presente, all'ingresso delle sale ricreative, un armadietto contenente circa 300 libri continuamente rifornito, dai cittadini della zona: due scaffali protetti da una teca di vetro e da una pensilina anti-pioggia sul quale sono apposti il logo della circoscrizione e le regole di funzionamento del servizio, attivo dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 22.00 tutti i giorni anche di domenica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il costo per le casse comunali è pari a zero anche grazie alla partnership con l'Amiu la quale, secondo Mastromarino, “ha creduto immediatamente nel progetto dimostrando un illuminismo che a qualcuno manca”. Il passo successivo sarà l'apertura di un altro scaffale a Torre a Mare, frenata da problemi burocratici: “Vorremmo posizionarla – spiega Mastromarino – in un luogo di grande passaggio, ad esempio vicino alla sede della delegazione comunale. Speriamo di realizzare tutto ciò a breve”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia undici nuovi casi: cinque contagi registrati nel Barese, i pazienti positivi salgono a 170

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Ventenne muore dopo un tuffo in piscina: tragedia durante una festa a Polignano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento