Da Bari la preghiera per la pace in Medio Oriente, Papa Francesco: "Accendiamo fiamma di speranza"

Sul lungomare la preghiera del Pontefice con i Patriarchi d'Oriente: "Bari città dell'incontro e dell'accoglienza. Qui per dare voce a chi non ha voce". In Basilica la visita alla tomba di San Nicola e l'accensione dell'uniflamma

Arriva sul lungomare a bordo di un pulmino scoperto, insieme ai Patriarchi delle Chiese e delle comunità cristiane del Medio Oriente, accolto dall'applauso dei fedeli e dallo sventolio dei cappellini bianchi. E' l'abbraccio della città a Papa Francesco, che per la terza volta in pochi mesi torna in Puglia, scegliendo Bari,  "finestra spalancata sul vicino Oriente", come luogo dell'incontro ecumenico voluto per invocare, unito nella preghiera con i capi delle Chiese cristiane d'Oriente, la pace in quelle regioni martoriate da guerre e persecuzioni. Un appuntamento storico, fortemente voluto da Francesco, nel solco dell'impegno per la pace e per l'unità dei cristiani.

VIDEO: L'ARRIVO DI PAPA FRANCESCO IN BASILICA

L'omaggio in Basilica, l'incontro con i fedeli, la preghiera per la pace: il videoracconto della visita

"Bari città dell'incontro" e la preghiera "per dare voce a chi non ha voce"

E a Bari, "città dell’incontro e dell’accoglienza", città di San Nicola che da sempre unisce Oriente e Occidente, Bergoglio indirizza le sue prime parole, dal grande palco di largo Giannella che si staglia sull'orizzonte azzurro del mare: "Qui riposano le reliquie di San Nicola, vescovo dell’Oriente la cui venerazione solca i mari e valica i confini tra le Chiese". "Qui - prosegue - contempliamo l’orizzonte e il mare e ci sentiamo spinti a vivere questa giornata con la mente e il cuore rivolti al Medio Oriente, crocevia di civiltà e culla delle grandi religioni monoteistiche, ma su cui, ricorda Papa Francesco "si è addensata, specialmente negli ultimi anni, una fitta coltre di tenebre: guerra, violenza e distruzione, occupazioni e forme di fondamentalismo, migrazioni forzate e abbandono, il tutto nel silenzio di tanti e con la complicità di molti". "Insieme desideriamo accendere oggi una fiamma di speranza", ha detto il Pontefice ricordando il momento di preghiera in Basilica che ha aperto la giornata, con l'accensione della 'lampada uniflamma', "simbolo della Chiesa una", e la venerazione delle spoglie di San Nicola. "Sia pace: è il grido dei tanti Abele di oggi che sale al trono di Dio". "L’indifferenza uccide - ha detto ancora Bergoglio - e noi vogliamo essere voce che contrasta l’omicidio dell’indifferenza. Vogliamo dare voce a chi non ha voce, a chi può solo inghiottire lacrime, perché il Medio Oriente oggi piange, soffre e tace, mentre altri lo calpestano in cerca di potere e ricchezze".

VIDEO: IL VOLO DELLE COLOMBE SUL SAGRATO DELLA BASILICA

La devozione dei fedeli: "Non ho dormito stanotte, come quando si attende chi si ama"

La preghiera con i Patriarchi

Nel momento di preghiera con i patriarchi e i fedeli, si alternano letture e canti, così come le lingue in cui i Patriarchi recitano preghiere e invocazioni, dall'italiano all'arabo, dall'inglese al greco, al siriaco. Poi il momento del 'Padre nostro', che Papa Francesco invita a recitare insieme, "ognuno nella propria lingua", e la consegna delle lampade della pace, "simbolo della volontà di diventare portatori della luce della pace nel mondo". A consegnarle sono  papa, i Patriarchi e i Capi di Chiese collocano su un candelabro. Al termine della celebrazione, il Papa e i Patriarchi hanno fatto ritorno in Basilica a bordo del pulmino scoperto, salutati dai fedeli e dalle note di un inno dedicato a San Nicola.

In 70mila a Bari per Papa Francesco

Sono stati oltre 70mila - secondo le stime diffuse dal Comune - i fedeli che hanno partecipato all'evento. In tanti si sono assiepati dietro le transenne sin dalle prime ore del mattino, dopo aver superato uno dei 33 varchi predisposti per regolare gli accessi alla 'zona rossa', delimitata anche da barriere new jersey. I più fortunati sono anche riusciti a conquistare un posto a sedere, quando le transenne sono state aperte per lasciar riempire le sedie rimaste vuote davanti al palco di Papa Francesco, nella zona delimitata riservata alle autorità. All'incirca mille gli uomini di tutte le forze dell'ordine che sono stati impegnati per garantire la sicurezza, insieme a circa 700 volontari, che hanno anche provveduto a fornire, ai varchi di accesso, bottigliette d'acqua e cappellini bianchi per ripararsi dal sole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento