menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La fontana dei Giardini Isabella d'Aragona

La fontana dei Giardini Isabella d'Aragona

Rifiuti ok, degrado nelle piazze: 'Bari per Bene' nel Borgo Antico, bilancio a metà

Ultimi giorni dell'iniziativa del Comune nella città Vecchia, durata per circa due mesi: bene la raccolta differenziata e la chiusura di Piazza Federico II e Piazza San Pietro, male sul fronte graffiti e decoro. Ad agosto il focus si sposterà a Santo Spirito e Palese

Bene la raccolta differenziata e la 'liberazione' di Largo Santa Chiara dalle auto, meno, decisamente, sul fronte degrado di piazze, monumenti e luoghi pubblici. E' un bilancio a metà tra il negativo e il positivo la seconda tappa di 'Bari per Bene', l'iniziativa del Comune per valorizzare, uno alla volta, i quartieri della città. Dopo Madonnella, il focus dell'Amministrazione cittadina sì è concentrato su Bari Vecchia: per circa due mesi, da fine aprile a giugno, sopralluoghi, proposte e azioni, hanno avuto come protagonisti i vicoli e le strade del Borgo Antico, in un momento dell'anno particolare, tra le celebrazioni di San Nicola e l'avvio della stagione turistica.

Nonostante le difficoltà iniziali, il Comune ha cercato di conseguire obiettivi importanti, puntando maggiormente su un percorso di aggregazione e di eventi ad essa collegati, come il concorso per il balcone fiorito più bello, oltre ad eventi e appuntamenti a cui hanno preso parte numerosi cittadini e visitatori. Tra i risultati concreti, sicuramente la chiusura di Largo Federico II e Piazza San Pietro al parcheggio delle vetture, che precederà, nel secondo spazio, alla creazione di un vero e proprio mercatino dell'artigianato barese. Da segnare alla voce più anche lo sgombero degli ambulanti all'interno del Mercato del Pesce, propedeutico alla valorizzazione dell'edificio in chiave turistica ed europea, come atteso nei prossimi anni, così come l'incremento, in collaborazione con l'Amiu, della raccolta differenziata, passata, in due mesi, dal 20,84 al 31,16%.

Numeri positivi, malgrado, sul fronte igiene, nonostante la campagna dell'Amiu, non si riesca a ridurre in modo decisivo il problema delle blatte, dovuto anche alla difficoltà di procedere con le disinfestazioni, tra tombini sigillati e condotte su cui non si può intervenire perché private. Complessivamente, resta quindi il rammarico di problemi non ancora risolti, dal ripristino del pilomat Ztl nelle vicinanze della Basilica di San Nicola, allo stesso degrado di monumenti e giardini, su cui imperversano pasticci oramai da troppi mesi, per cui una costosa operazione di pulitura va accompagnata a una vera e propria educazione al rispetto civico: Muraglia, Basilica e Giardini Isabella d'Aragona: basta solo citare tre luoghi potenzialmente splendidi del Borgo Antico, attualmente vittime di incuria e ignoranza, tra pastrocchi volgari e stupide scritte con lo spray.

Biglietti da visita purtroppo fatiscenti, su cui Bari per Bene non ha potuto ottenere risultati, complice anche una mancata concertazione con la Sovrintendenza per gli interventi che, comunque, sottolineano da Palazzo di Città, verranno attuati al più presto. Da agosto la 'lente d'ingrandimento' itinerante, in ogni caso, passerà a Palese e Santo Spirito,: sarà la prima zona realmente periferica della città a diventare protagonista. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento