Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Bari 'smart city', siglato il patto Emiliano-Vendola: 1,6 miliardi per le nuove opere

I fondi verranno utilizzati per la riqualificazione della città: in programma interventi per San Girolamo e Japigia e la creazione di un 'Parco urbano culturale' nella caserma Rossani

Un 'patto' per la città, un accordo tra Regione e Comune per programmare l'utilizzo dei fondi comunitari e destinarli ad una serie di interventi che facciano di Bari una 'smart city'. E' questo l'obiettivo del 'Patto per Bari', siglato oggi in Regione dal governatore Nichi Vendola e dal sindaco Michele Emiliano.

Il piano prevede la programmazione delle risorse comunitarie disponibili per il periodo 2014-2020 (pari a 1,6 miliardi di euro) in una serie di interventi nel campo delle infrastrutture, dei servizi sociali e dell'accoglienza e della promozione delle attività culturali. Si tratta di un modello di pianificazione degli interventi che, ha spiegato Vendola, parte da Bari per essere successivamente esteso alle altre città pugliesi.

Bari è stata scelta come prima città per le sue caratteristiche socio-demografiche (la popolazione composta da oltre 320mila residenti, in assoluto la più numerosa rispetto a ciascun altro comune della Puglia) ed economiche (la città da sola detiene il 7% delle imprese attive di tutta la Puglia), e per il fatto di aver già intrapreso un percorso in direzione della creazione della 'smart city' con l'adesione della città al 'Patto dei Sindaci' nel luglio del 2010 e con la redazione ed attuazione di un 'Piano di azione per l'energia sostenibile'.

GLI INTERVENTI PROGRAMMATI - Dal punto di vista delle infrastrutture, gli interventi principali riguarderanno il nodo ferroviario di Bari e il prolungamento della metropolitana San Paolo fino alla zona Cecilia. Nell’aeroporto di Bari invece dovrà essere completato l’adeguamento delle infrastrutture di volo e il prolungamento della pista. Altri interventi riguarderanno la strada Poligonale di Bari-Bitonto, il nodo di scambio gomma treno Polipark e il parcheggio di scambio delle Ferrovie Sud Est. Altri lavori saranno eseguiti a Fesca-San Girolamo (con la costruzione di un nuovo parcheggio nella stazione) e a Japigia (con la riqualificazione dell'area del litorale, che oggi contiene edifici fatiscenti e spazi urbani vuoti). Sul versante culturale, invece, gli interventi saranno mirati a creare un sistema integrato dei luoghi della cultura. Le azioni previste dal Patto sono due: “Il miglio dei teatri” (che coinvolgerà Piccinni, Petruzzelli, Margherita e Kursaal Santalucia) e il “Parco urbano delle arti e delle culture”, da far sorgere nella riqualificata caserma Rossani.

"Per noi, oggi, - ha commentato Vendola parlando del patto - è un posizionamento sulla linea di ciò che l'Europa sta per chiederci: Bari sarà così città d'avanguardia e capitale dell'euromediterraneo. Nel giro di pochi anni – ha aggiunto - Bari conoscerà la più importante esperienza di cantierizzazione della città, rendendola molto più bella di quanto già oggi non sia".

"Il 'Patto per Bari' - ha detto Emiliano - è il più grande investimento progettato per la città. E' un intervento che spaziando dalla mobilità, ai servizi sociali, alla cultura, cambierà il volto di Bari".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bari 'smart city', siglato il patto Emiliano-Vendola: 1,6 miliardi per le nuove opere

BariToday è in caricamento