menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Eliminazione barriere architettoniche in città, dal Comune sì al piano 'Peba'

La Giunta ha approvato una prima bozza del documento che sarà la base per i futuri interventi riguardanti l'accessibilità, degli spazi pubblici, da parte dei diversamente abili

Un organico programma per eliminare le barriere architettoniche in città: la Giunta comunale barese ha approvato la prima bozza del piano Peba, strumento indispensabile per pianificare e programmare gli interventi sull'accessibilità degli spazi urbani e degli edifici pubblici da parte dei cittadini con disabilità. Il documento è stato redatto dall'amministrazione comunale in collaborazione con i municipi, gli assessorati, le ripartizioni e le associaizoni interessate: il piano stabilisce i criteri di accessibilità minima, che per gli spazi esterni, i parchi e i giardini vorrà dire almeno un percorso di accesso e di fruizione in evenuali luoghi attrezzati.

“Si tratta di uno studio approfondito per il miglioramento dell'accessibilità delle attrezzature pubbliche collettive - ha affermato l'assessore Giuseppe Galasso - che aumenta il livello della qualità della vita di tutti i cittadini e dei fruitori della città (pendolari, studenti universitari, turisti, city users), sia che si tratti di persone con ridotta capacità motoria o sensoriale, sia che si tratti di persone normodotate. In molti dei lavori in fase di esecuzione, oltre che in tanti già progettati e in attesa di essere appaltati, abbiamo inserito tutte le modifiche possibili per far sì che le opere, anche in costruzione o di prossima esecuzione, fossero già a misura di cittadino con disabilità. Il waterfront di San Girolamo, così come la nuova via Sparano ad esempio, ha già recepito molte delle indicazioni che questa prima stesura del P.E.B.A. e delle relative linee guida hanno codificato”.

“Adesso Bari ha un suo Programma per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche - commenta il consigliere delegato alla tutela del diritto all’accessibilità urbana Marco Livrea -. Questo documento tecnico permetterà la progettazione di spazi e strutture pubbliche che verranno ideate secondo standard precisi, scritti e condivisi, e non su principi aleatori e soggettivi legati all’interpretazione o estro di qualsivoglia tecnico verrà chiamato alla progettazione di uno spazio. Il “Programma per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche lungo la viabilità della città di Bari” servirà non solo a indicare soluzioni per progettare strutture o luoghi di domani ma anche a dare indicazioni utili, a seconda dei casi esistenti, per la riqualificazione dell’accessibilità di quanto è già costruito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento