Cronaca

Condividere i voli con un clic: "Costi ridotti con il flight-sharing", l'idea è di due giovani baresi

La startup Bbplane si è aggiudicata il finanziamento Cultura Crea di Invitalia, giungendo in finale nella Start Cup Puglia: in arrivo anche un'app per ottimizzare il servizio

Da sinistra, Daniele Spera e Fabio Abbrescia

Controllare se c'è un posto libero in un aereo privato, semplicemente con un clic, in base alle segnalazioni dei piloti, abbattendo così notevolmente i costi di un servizio spesso ritenuto a torto per soli ricchi: è l'obiettivo di 'BBPlane', .a prima piattaforma di flight-sharing nata in Italia dall'idea di due giovani baresi. L'innovativa soluzione è giunta tra i finalisti della Start Cup Puglia, la gara tra le migliori startup della regione organizzata dall'Arti e ha vinto un finanziamenti da 150mila euro con il bando Cultura Crea di Invitalia: "Abbiamo cominciato a pensare a BBPlane - spiega Daniele Spera, fondatore dell'impresa e 23enne pilota di aerei - proprio per far fronte all'esigenza di ridurre i costi di un'ora di volo. Chiaramente portare qualcuno sul velivolo permette di tagliare le spese per tutti. I piloti condividono le tratte disponibili sulla piattaforma, i viaggiatori scelgono in base alle loro esigenze. In questo modo possiamo valorizzare un territorio come la Puglia sul fronte dell'appeal turistico da una prospettiva diversa. L'idea, inoltre, è perfettamente applicabile in altri contesti italiani e stranieri".

"Voli privati inaccessibili? Mito da sfatare"

A fianco di Spera c'è Fabio Abbrescia che si occupa della parte finanziaria e del funding. Nei prossimi mesi il sito sarà affiancato a una app: "Ogni singolo volo può gestire da due a un massimo di sei posti - aggiunge Spera -. In Puglia vi sono molte aviosuperfici, oltre agli aeroporti tradizionali. Nel Barese e nei dintorni, ad esempio, si possono adoperare quelle di Castel del Monte e di Torre Canne. Tante sono anche le richieste per volare in Albania, Croazia e Grecia. Inoltre, molti chiedono di volare anche per fare un regalo ai propri genitori o alla propria fidanzata. Si pensa che viaggiare con un aereo privato sia inaccessibile, in realtà non è così e BBPlane vuole proprio permettere di fornire alternative allo spostamento via auto, treno o nave su medie e piccole tratte. I velivoli utilizzabili non sono ultraleggeri ma aerei di aviazione generale con manutenzioni molto accurate. Con BBPlane sono stati oltre 150 le richieste di voli nel 2017. Attraverso documenti e ricerche sui soggetti ci assicuriamo che i piloti e i passeggeri siano affidabili e che non vi siano situazioni anomale". Sicurezza, dunque, ma anche accessibilità, per rendere il volo alla portata di tutti. Un sogno che si concretizza, a cominciare da chi ha creato la startup: "Da piccolo - racconta Spera - ho sempre avuto una grande passione per l'aviazione e qualche anno va ho conseguito la prima licenza. Mi auguro, un giorno, di ottenere il brevetto e di diventare un pilota di linea".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condividere i voli con un clic: "Costi ridotti con il flight-sharing", l'idea è di due giovani baresi

BariToday è in caricamento