rotate-mobile
Cronaca

"È un bel ricordo della gravidanza": la moda del 'pancione dipinto' arriva anche a Bari

L'intervista a Laura Fusco, illustratrice 34enne che da un anno ha portato in città la tendenza del 'belly painting': "Vanno usati colori atossici, sennò il feto può assorbirli"

Il momento della gravidanza è un'esperienza speciale per ogni mamma, che ha il compito di proteggere la prima 'casa' del bimbo: il pancione. C'è anche chi per un giorno decide di dare un tocco di colore alle sue rotondità, trasformandole in un piccolo murales umano. È il 'belly painting' - letteralmente 'pittura della pancia -, tendenza che inizia a spopolare anche nella provincia barese, esportata, come ogni trend che si rispetti, dall'America. 

IL BELLY PAINTING - La tecnica consiste nel dipingere sul pancione un disegno che abbia un significato per la mamma o per il futuro nascituro, con un'operazione che unisce arte e benessere. "Quella del belly painting è una vera coccola per le madri - ci racconta Laura Fusco, illustratrice 34enne barese che da un anno colora i pancioni in collaborazione con l'associazione 'Creattiva crescere' -, perché il pennello è delicato sulla pelle. Inoltre quando lavoro a domicilio o nel centro 'megamamma' a Bari, sono solita riprodurre con uno stereo musica rilassante. Deve essere prima di tutto un piacere". E a divertirsi nel completare il trattamento non solo solo le madri: "Quando appoggio il pennello sul pancione sento anche i piccoli scalciare, avvertono la presenza dello strumento e ci giocano. È un'esperienza molto particolare".

WhatsApp Image 2017-06-17 at 17.28.11-2Laura al mondo del belly painting ci si è avvicinata grazie all'associazione Città dei bimbi, che l'ha chiamata a giugno scorso per partecipare all'evento 'Coccole al pancione', ma il suo feeling con i bambini era nato già da prima, avendo avuto esperienze con il trucco per bambini. "Per le madri usiamo gli stessi colori - spiega - atossici e lavabili, così non c'è nessun pericolo per il feto. Mai invece usare colori acrilici, che rischiano di essere assorbiti, come spiegano anche i pediatri. Preferisco lavorare sui pancioni dal settimo al nono mese, perché sono più tridimensionali".

IL DISEGNO - L'operazione di pittura del pancione dura un'ora e chiaramente si può scegliere qualunque disegno. Anche se, come spiega l'illustratrice, spesso le madri non arrivano con un'idea certa e si cerca insieme di capire il soggetto. "Poi si fa una foto al pancione per poter un giorno mostrare al futuro nascituro come era stata decorata la sua prima casa - scherza la Fusco -, è un bel ricordo della gravidanza che uno si porta negli anni. Ora ad esempio sono molto richiesti i 'mandala', i segni tibetani, e tutti i disegni di tipo orientale". Un trend che prende sempre più piede nel barese: in media le richieste vanno dalle cinque alle dieci al mese, non solo da Bari, ma anche dalle città vicine. "C'è chi mi chiede di arrivare anche a Brindisi o Lecce - prosegue Laura -, in quel caso chiedo di creare un gruppo per non dover venire più volte. Va molto di moda durante i 'baby shower', feste in cui le amiche delle mamme regalano giocattoli ed accessori per il futuro nascituro". 

Per quanto riguarda i costi invece, la forbice è variabile. "Il mercato propone prezzi differenti, appunto perché è una novità - confessa l'illustratrice -. Io chiedi 35 euro, ma so che c'è anche chi si prende 100 euro". Concludiamo chiedendole se c'è un disegno che le è particolarmente piaciuto. "Beh sono tanti quelli che mi hanno colpito, ma mi è rimasto impresso quello dei due elefantini con il fiocco rosa sorretti dai genitori. Rappresentavano due gemelline che stavano per nascere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"È un bel ricordo della gravidanza": la moda del 'pancione dipinto' arriva anche a Bari

BariToday è in caricamento