Beccati sporcaccioni nel Barese, avevano abbandonato cassonetti colmi di rifiuti tra gli alberi: denunciati in tre

I controlli in Contrada Santo Stefano, nell'agro di Monopoli, hanno permesso di identificare il proprietario del terreno, il proprietario dei rifiuti e chi, di fatto, ha materialmente trasportato gli stessi

Avevano abbandonato nel verde cassonetti metallici e di plastica ormai distrutti e sporchi, che in alcuni casi ancora contenevano rifiuti. A scoprire l'operato dell'ennesimo 'sporcaccione' in Contrada Santo Stefano, a Monopoli, è stato il personale della Guardia Costiera, appartenente al Nucleo operativo di Polizia Ambientale di Bari, per approfondire una segnalazione di una presunta discarica a cielo aperto.

Notizia confermata poi dal blitz, con successivi accertamenti che hanno permesso di identificare il proprietario del terreno, il proprietario dei rifiuti e chi, di fatto, ha materialmente trasportato gli stessi. L'area è stata posta sotto sequestro sia per il reato di 'deposito incontrollato di rifiuti speciali', sia per il reato di 'deturpamento di bellezze naturali', visto che l’area oggetto di sequestro risulta tra quelle identificate nella zona della Piana degli ulivi secolari di Monopoli, proprio per la presenza proprio di tale tipo di vegetazione protetta.

I responsabili dello scempio ambientale sono stati denunciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Ultimo giorno di zona gialla, da domani la Puglia torna in arancione: cambiano regole e divieti

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Scuola in Puglia, c'è l'ordinanza di Emiliano: superiori in Ddi per un'altra settimana, per elementari e medie resta la scelta alle famiglie

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

Torna su
BariToday è in caricamento