Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Lang e Rosi, due giganti del cinema per il Bifest numero 6 (e mezzo)

Presentata la nuova edizione del popolare Festival internazionale del cinema di Bari: due grandi retrospettive sul maestro tedesco e su quello italiano, scomparso due mesi fa. Anteprime, lezioni di cinema, incontri e laboratori dal 21 al 28 marzo

Da sinistra: Daniele Basilio, Nichi Vendola, Antonio Decaro, Felice Laudadio

Due giganti del cinema, Fritz Lang e Francesco Rosi (scomparso solo due mesi fa, a cui è dedicata questa edizione), da riscoprire attraverso ricche e affascinanti retrospettive, numerosi ospiti italiani e internazionali, lezioni di cinema, seminari e laboratori. Il menu del Bifest numero 6 (e mezzo come ricordano gli organizzatori citando l'edizione 'zero' di 7 anni fa) è ancora una volta ricco e si conferma per qualità delle proposte, dei 'percorsi' che ogni spettatore potrà seguire, creandosi un proprio festival nel festival. Bari ancora una volta 'capitale' del cinema per 8 giorni, dal 21 al 28 marzo prossimi, in cui si attendono file brulicanti di spettatori pronti ad entrare nel Petruzzelli, nel Multisala Galleria, nel Margherita.

Tanta voglia di grande cinema, di gustare anteprime internazionali, film d'autore, corti, incontri con autori e registi. E' il bello di un festival che nell'ultima edizione ha ricordato il nuovo direttore di Afc, Daniele Basilio "ha avuto 70mila visitatori" nonostante un budget inferiore rispetto alle altre grandi manifestazioni analoghe, (1,2 milioni di euro in Fondi Europei, quest'anno ridotti di 100mila) generando importanti ricavi per la città e l'area metropolitana. La scommessa di Regione e Apulia Film Commission è una realtà consolidata: "Le code mattutine per seguire lezioni di cinema o vedere un film restaurato - ha dichiarato ieri sera il governatore Nichi Vendola durante la conferenza stampa di presentazione a Bari - sono un segno di vita e un'anima di un territorio che si va ridefinendo. Tra i figli che considero più belli del mio mandato, di cui sono orgoglioso, c'è proprio questo Festival e tutto il circuito del cinema e della creatività che gli sta attorno".

Impossibile racchiudere il programma in poche righe: oltre alle grandi retrospettive, 8 le anteprime internazionali serali al Petruzzelli, due eventi speciali nel politeama con la proiezione di un documentario su Kurt Cobain e di 'Humandroid' di Neill Blomkamp, 8 grandi registi europei per altrettante lezioni di cinema, ovvero Ettore Scola, Costa-Gavras, Alan Parker, Jean-Jacques Annaud, Margarethe Von Trotta, Andrzej Wajda, Edgar Reitz e Nanni Moretti. Tra gli attori ospiti, Luca Zingaretti, Jasmine Trinca, Massimo Ghini, Alba Rohrwacher e Stefania Rocca che presenterà la serata finale con l consegna del premi dell'ItaliaFilmFest. E poi focus su giovani autori, incontri e laboratori: "I miei colleghi direttori di festival - scherza l'ideatore della rassegna, Felice Laudadio - sono molto invidiosi e mi chiedono come facciamo a organizzare tutto con questo budget. Alla base ci sono tanti sacrifici e un grande impegno per tutto l'anno".

Alla conferenza stampa è intervenuto anche il sindaco di Bari, Antonio Decaro: "Vorrei ringraziare il governatore Vendola che ha avuto la visione, inimmaginabile, di trasformare la Puglia in un set cinematografica. Per noi è importante promuovere il territorio attraverso la cultura, il miglio dei teatri e il Polo dell'Arte Contemporanea che sarà uno degli obiettivi della nostra amministrazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lang e Rosi, due giganti del cinema per il Bifest numero 6 (e mezzo)

BariToday è in caricamento