Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guarita la bimba di due mesi colpita da Covid-19, la gioia della mamma e il 'grazie' ai medici: "E' stata dura ma ce l'abbiamo fatta"

La bambina e la mamma, anche lei positiva, sono state curate dal coordinamento dei medici dell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII e del Policlinico di Bari

 

E' guarita la bimba di due mesi colpita da coronavirus e ricoverata dal 18 marzo scorso nel reparto Malattie infettive dell'ospedale Giovanni XXIII di Bari. La bambina e la mamma, anche lei positiva, sono state curate dal coordinamento dei medici dell'ospedale pediatrico e del Policlinico.

Dopo che la donna aveva sviluppato una polmonite, i medici del Giovanni XXIII si sono messi in contatto con i colleghi del reparto Malattie infettive del Policlinico, coordinando le cure, senza separare la bambina, guarita dopo pochi giorni da febbre e tosse.

 “Questi risultati - ha dichiarato soddisfatto il dg del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore - sottolineano la professionalità dei nostri operatori sanitari che durante questa emergenza stanno dimostrando ogni giorno competenza e spirito di sacrificio, ma ci ricordano anche che la specificità pediatrica, il prendersi cura di mamma e bambino è un valore imprescindibile che solo in strutture dedicate alla cure pediatriche può essere assicurata adeguatamente. La guarigione della neonata e della sua mamma è il modo migliore per festeggiare la Pasqua

“Ce l'abbiamo fatta, è stata abbastanza dura - ha spiegato la mamma attraverso un messaggio -. Voglio dire a tutti coloro che non vedono l'ora di uscire di casa, che torneranno i tempi in cui potremo riabbracciarci. Ma adesso restate a casa. Ce la faremo”. “Fortunatamente mamma e figlia hanno avuto un decorso favorevole che ci ha quindi permesso di non ricorrere a terapie intensive. Insieme hanno affrontato e superato la malattia, fino al momento della dimissione, emozionante per tutti noi”, ha affermato Désirée Caselli, direttore della U.O.C. Malattie Infettive dell’ospedale pediatrico.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento