menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bimba morta per infezione Seu, controlli sugli alimenti a rischio: verifiche di Nas e Arpa

Accertamenti sui cibi che potrebbero aver veicolato il batterio killer. Migliorano intanto le condizioni dell'altra paziente colpita da Sindrome emolitico-uremica, una bimba francese di 18 mesi

Gli accertamenti sono già partiti, e i risultati attesi per i prossimi giorni cercheranno di fare chiarezza sulle cause che hanno provocato il nuovo caso di Seu (sindrome emolitico-uremica) che nei giorni scorsi ha portato alla morte di una bimba di due anni di Corato.

Seu: gli alimenti a rischio

Su indicazione di Asl e Osservatorio epidemiologico regionale, Arpa e Nas stanno procedendo alle verifiche. Si cerca di capire quale prodotto abbia causato l'infezione, e in quale negozio sia stato acquistato. Tra gli alimenti considerati a maggior rischio contaminazione, ci sono latte non pastorizzato, prodotti lattiero-caseari, ma anche carne cruda o consumata poco cotta, e frutta e verdura non lavate adeguatamente. Le indagini dovranno anche chiarire quale ceppo di Escherichia Coli abbia causato l'infezione, che può portare pesanti danni ai reni, e nei casi più gravi condurre anche alla morte.

L'altro caso: migliora la bimba francese

Migliorano invece le condizioni della bimba francese di 18 mesi, in vacanza in Puglia con la famiglia, ugualmente colpita nei giorni scorsi dall'infezione. La bimba si è sentita male mentre era nel Salento, ma nel corso delle vacanze la famiglia avrebbe visitato in precedenza diverse località della regione.

Le raccomandazioni della Asl: "Niente prodotti crudi ai bambini"

Intanto resta alto il livello di sorveglianza nei pronto soccorso e nei reparti pediatrici nei confronti di possibili casi di gastroenterite emorragica, in modo da poter individuare in maniera tempestiva l'eventuale insorgenza dell'infezione. Dalla Asl restano le indicazioni già diramate a giugno: in particolare, si raccomanda di consumare gli alimenti previa adeguata cottura, evitando di somministrare prodotti crudi soprattutto ai bambini in età pediatrica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento