Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Bimbo soffocato da una polpetta all'Ikea, i genitori si oppongono all'archiviazione

Nell'inchiesta coordinata dalla Procura di Bari, ci sono due indagati per omicido colposo. I genitori si oppongono alla richiesta di archiviazione: "Indagini lacunose e mal coordinate"

Si oppongono all'archiviazione dell'inchiesta i genitori del bimbo molisano di tre anni morto lo scorso 9 settembre, dopo alcuni giorni di agonia, dopo essere rimasto soffocato mangiando una polpetta nel centro commerciale Ikea.

Nell'inchiesta della Procura di Bari ci sono due indagati per omicidio colposo: il medico del 118 che aveva soccorso il piccolo e il responsabile sicurezza dell'Ikea. Il bimbo mori' nell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII, poco distante dall'Ikea, ma secondo i genitori i soccorsi non furono tempestivi.

In una nota diffusa dai loro legali, i genitori rilevano che quella della Procura è una decisione "sbagliata, frutto di indagini sommarie e mal coordinate, visto che in soli sette mesi si sono succeduti ben quattro sostituti procuratori nella gestione delle indagini". 

Nell'opporsi all'archiviazione dell'indagine i genitori ricordano anche un altro episodio simile, avvenuto poco tempo fa in un altro centro commerciale Ikea a Roma. "Ci auguriamo, nel rispetto di quel senso di giustizia che ci ha accompagnato in questi mesi di intenso

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo soffocato da una polpetta all'Ikea, i genitori si oppongono all'archiviazione

BariToday è in caricamento