Vigili fermano Smart per un controllo: scoperto "sequestro" di un bimbo di 3 anni, due arrestati

In manette una 53enne pregiudicata e un 47enne: i due erano in auto con il piccolo quando sono stati fermati a gennaio in piazza Luigi di Savoia. Da lì le indagini: il bambino risultava scomparso da maggio 2017

Un controllo casuale in pieno centro a Bari ha portato alla luce una vicenda dai contorni ancora da chiarire per intero, riguardante un bambino di soli 3 anni: una 53enne pregiudicata originaria di Napoli, residente a Bari. e un 47enne incensurato di Palo del Colle sono stati arrestati con le accuse di sequestro di minore. L'operazione, denominata 'Check-point', prende spunto da un episodio avvenuto a gennaio scorso: la Polizia Locale aveva fermato in piazza Luigi Di Savoia una Smart con all'interno i due e il piccolo che veniva dichiarato ai vigili come 'nipote'. Le verifiche, però, avevano dimostrato che le generalità del bambino fornite agli agenti non erano vere. 

Le indagini dopo il controllo in centro

Dopo ulteriori approfondimenti, si è scoperto che il piccolo, affetto da patologie congenite, risultava scomparso da una casa famiglia di Molfetta da maggio dello scorso anno, alla quale era stato affidato qualche mese prima poichè tolto dalla tutela della mamma. Gli inquirenti hanno così deciso di approfondire le indagini intercettando la donna fermata nella Smart. La 53enne era risultata, infatti, già indagata dalla Procura di Trani per sottrazione del minore in concorso con la mamma del bimbo. Il 31 gennaio scorso i vigili hanno bussato alla porta della casa della donna, non trovando né lei, nè il piccolo. Ulteriori controlli hanno poi permesso di ricostruire il percorso del bambino, condotto in una casa a Napoli per alcuni giorni e in un'altra abitazione di Bisceglie dove, il 6 febbraio scorso è stato finalmente ritrovato. Le indagini del Pm della Procura di Bari, Grazia Errede, hanno poi portato alle ordinanze emesse dal Gip Giulia Romanazzi. Oltre ai due arrestati su Bari, ci sono tre denunciati "per aver favorito il sequestro del minore".

Il bambino è in buone condizioni

Il piccolo ora è in buone condizioni di salute ed è assistito in una casa protetta. La vicenda è al vaglio anche della Procura di Trani che nei mesi scorsi ha arrestato una persona originaria di Bisceglie nel corso del controllo in cui è stato recuperato il piccolo. Il Comandante della Polizia Locale di Bari, Michele Palumbo, ha spiegato le modalità d'azione degli agenti: "L'attività - afferma - era partita in modo casuale. Da lì abbiamo ricostruito il quadro, anche grazie  L'interesse è ovviamente quello di tutelare il bambino. quando l'abbiamo rinvenuto era provato dai vari spostamenti. Adesso, per fortuna, sta bene".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

  • Spostamenti ingiustificati fuori Comune, cibi e bevande consumati nei pressi di bar e locali: controlli anticovid e multe nel Barese 

Torna su
BariToday è in caricamento