Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Deposito incontrollato di rifiuti e ricettazione: nei guai autodemolitore nel Barese, sequestrata area di 5mila metri quadri

L'operazione dei carabinieri a Binetto: l'uomo, un 37enne, è stato denunciato. Tra i veicoli fuori uso 'parcheggiati', i militari hanno scoperto anche un furgone contenente sei motori di auto, dei quali il commerciante non ha saputo giustificare il possesso

 

Dai rifiuti speciali (anche pericolosi) abbandonati in un'area, alla scoperta di sei motori di autovetture di provenienza 'ignota'. Nei guai è finito, a Binetto, un 37enne titolare di un'autodemolizione. 

I controlli finalizzati al rispetto della normativa ambientale, sono stati condotti dai Carabinieri della Compagnia di Modugno con la collaborazione dei colleghi del Nucleo Operativo Ecologico di Bari e del Nucleo Ispettorato del Lavoro. ’area di circa 5000 metri quadrati.

L’ispezione, che si è conclusa con il sequestro di un'area di 5mila metri quadri, ha permesso di accertare che il titolare dell’impresa commerciale, avesse adibito l'area di sua proprietà, antistante l’attività, a deposito di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi. Nell’area erano tra l’altro “parcheggiati” numerosi veicoli fuori uso mai bonificati.

Proprio in un FIAT Ducato, “abbandonato” i carabinieri hanno rinvenuto sei motori, completi, appartenenti a varie autovetture dei quali il commerciante non sapeva giustificarne il lecito possesso.

Infine, è stata accertata la presenza di impianti di videosorveglianza non autorizzati.

Per l’autodemolitore è scattata la denuncia per ricettazione, gestione illecita di rifiuti, deposito incontrollato di rifiuti, installazione non autorizzata di impianti audiovisivi. Oltre alla denuncia è stata elevata una sanzione amministrativa di circa 1550 euro.

L’area interessata dal deposito incontrollato dei rifiuti è stata sottoposta a sequestro preventivo, così come il furgone ed i motori che vi erano contenuti.

I Carabinieri fanno sapere che l’attività di controllo procederà senza sosta ed interesserà ogni tipologia di attività commerciale/industriale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento