Cronaca

In casa pistole e munizioni: arrestato agente di polizia penitenziaria in pensione

L'arsenale scoperto dai carabinieri a Bitonto: le armi, detenute illegalmente, sono state rinvenute nell'abitazione dell'uomo, un 56enne

Deteneva illegalmente, all'interno della propria abitazione, armi e munizioni. Scoperto dai carabinieri è finito in carcere, a Bitonto, un 56enne, agente di polizia penitenziaria in pensione.

L'arsenale sequestrato

A casa dell'uomo i militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Bari congiuntamente a quelli della locale Stazione CC e del 11° RTG CC. Puglia hanno sequestrato quattro pistole pistole revolver, perfettamente funzionanti, considerate “armi antiche” non censite, illegalmente detenute; una pistola  a salve modificata, con caricatore e 5 proiettili cal.7,65; 75 cartucce cal. 9 parabellum; 4 cartucce cal.8 per pistola a salve; 37 cartucce cal.38; 3 caricatori per cartucce 7,65; una paletta rifrangente recante iscrizione “Ministero di Grazia e Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria – Polizia Penitenziaria”.

I controlli

Il materiale rinvenuto è stato sequestrato e per il 56enne si sono aperte le porte del carcere, con l'accusa di detenzione illegale di armi da fuoco e munizioni. Sono in corso ulteriori indagini da parte dei Carabinieri per risalire alla provenienza ed all’individuazione degli eventuali destinatari delle armi e delle munizioni sequestrate. Vanno avanti, intanto, i controlli dei carabinieri a Bitonto, intensificati dopo la tragica sparatoria tra gruppi rivali nella quale è stata uccisa la vedova 84enne Rosa Tarantino ed un giovane è rimasto ferito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In casa pistole e munizioni: arrestato agente di polizia penitenziaria in pensione

BariToday è in caricamento