menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da Bitonto a Bari per rubare un'auto, ma non sa di essere seguito dai poliziotti: 49enne in manette

L'uomo è stato arrestato in flagranza per furto e violazione della sorveglianza speciale. La polizia lo aveva intercettato e pedinato, per poi bloccarlo: in alcuni locali da lui utilizzata, ritrovate numerose centraline e dispositivi usati per i furti

Da Bitonto a Bari all'alba, per mettere a segno il furto di un'auto. Non si era accorto, però, di essere seguito dalla polizia, che lo ha bloccato e arrestato.

Colto nella flagranza del reato di furto di un’autovettura e violazione della misura della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno è così finito in manette un 49enne, Leonardo Naglieri.

Gli uomini della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Polizia di Bitonto, impegnati in specifici controlli, hanno intercettato l'uomo alle prime ore del mattino, e, insospettiti, hanno quindi deciso di seguirlo: è iniziato così un lungo pedinamento, durante il quale il 49enne, giunto a Bari, con grande abilità e disinvoltura riusciva in pochi attimi a rubare un’auto parcheggiata in strada.

Immediato l’intervento dei poliziotti, da cui nè nato un inseguimento che si è concluso con l’arresto del 49enne. La successiva perquisizione personale ha consentito di rinvenire alcuni attrezzi da scasso, mentre i successivi controlli in alcuni locali in uso all’arrestato, hanno permesso agli agenti di individuare "una vera e propria base logistica per la commissione dei furti": sono state infatti rinvenute numerose centraline, estrattori e dispositivi che consentivano di bypassare gli odierni sistemi elettronici antifurto.

Dopo le formalità di rito l’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento