rotate-mobile
Domenica, 7 Agosto 2022
Cronaca Bitonto

A Bitonto l'ultimo saluto a Ninni, il papà morto travolto da una moto: "E' stato uomo di grande dignità e responsabilità"

Nel pomeriggio di mercoledì, nella Basilica dedicata ai Santi Medici, i funerali del 47enne Gaetano De Felice, investito sul lungomare di Santo Spirito mentre attraversava la strada. Nel suo ultimo gesto di amore, ha fatto da scudo al figlioletto che era con lui

Una comunità stretta nel dolore per l'ultimo saluto a Gaetano De Felice (Ninni, come tutti lo chiamavano), morto travolto da una moto sul lungomare di Santo Spirito nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Nel pomeriggio di ieri, mercoledì 3 agosto, si sono celebrati i funerali nella Basilica dei Santi Medici a Bitonto. Profonda commozione per l'addio al 47enne che nel suo ultimo gesto di amore, accortosi del sopraggiungere della moto, ha protetto il figlio di 6 anni, facendogli da scudo e salvandogli la vita. Il bambino è rimasto ferito ma è fuori pericolo, mentre il 20enne alla guida del mezzo è indagato per omicidio stradale.

"La responsabilità non è collettiva ma di ciascuno di noi che manca agli appelli della vita e del mondo. Il modo di vivere di Ninni è la risposta che tutti cerchiamo", ha detto, come riporta la Dire, don Vincenzo Cozzella durante l'omelia. "Ninni è stata una persona con una grande dignità umana, responsabilità sociale e civile - ha continuato il sacerdote - ora non possiamo piangerci addosso ma credere in quello che lui, nel suo piccolo, ha insegnato e fatto". 

In concomitanza con i funerali, il sindaco di Bitonto, Francesco Ricci, ha proclamato il lutto cittadino, che si rinnova anche nella giornata odierna: saranno celebrate oggi, infatti, le esequie di Angelo Bonelli, l'operaio bitontino di 58 anni morto sabato scorso mentre era impegnato in lavori edili in un cantiere del quartiere Carbonara.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Bitonto l'ultimo saluto a Ninni, il papà morto travolto da una moto: "E' stato uomo di grande dignità e responsabilità"

BariToday è in caricamento