menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scarichi maleodoranti in mare, sequestrato l'impianto di depurazione di Bitonto

Il provvedimento si è reso necessario dopo le indagini degli uomini della Guardia costiera: la condotta scaricava in mare acque reflue dal colorito marrone e dal puzzo nauseabondo

Sotto sequestro l'impianto di depurazione di contrada 'Morzone' a Bitonto.  L'operazione degli uomini della Guardia costiera è scattata questa mattina, in esecuzione di un provvedimento emesso dal gip del Tribunale di Bari.

L'impianto raccoglie le acque reflue urbane provenienti dalla città e dalle zone limitrofe del centro abitato di Bitonto e, dopo il trattamento, le scarica tramite una condotta sottomarina nel mare Adriatico, in località 'Fesca'.

Dopo numerosi sopralluoghi eseguiti dai militari sia nei pressi del depuratore, che nel punto in cui esso scarica in mare, sono state riscontrate gravi irregolarità nel funzionamento dell'impiantoIl provvedimento preventivo ne autorizza adesso l'uso, ai soli fini dell'ordinaria manutenzione. 

Gli uomini della Guardia costiera hanno potuto constatare la cattiva qualità del refluo in uscita dall'impianto: le acque hanno una colorazione marrone con presenza di schiuma; anche le acque marine superficiali presentavano un colore tra il giallo e il marrone per non parlare della colonna d'aria dall'insopportabile puzzo nauseabondo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento