Cronaca

Cocaina, marijuana e telecamere per controllare la 'centrale' dello spaccio: un arresto a Bitonto

L'intervento dei finanzieri in un appartamento nella zona della villa comunale: nell'abitazione era stato installato anche un impianto di videosorveglianza puntato sulla strada

Dosi di marijuana - Foto di repertorio

Ad insospettire i finanzieri del Gruppo Pronto Impiego è stato un anomalo andirivieni verso un appartamento ubicato nelle vicinanze della villa comunale, a Bitonto. I militari delle Fiamme Gialle hanno così deciso di sottoporre a controllo un quarantacinquenne pregiudicato del posto appena uscito dall’abitazione, all’esito del quale gli veniva rinvenuta e sequestrata una dose di marijuana pari a circa 2,3 grammi.

Le successive operazioni di perquisizione domiciliare, permettevano di scoprire una vera e propria “centrale dello spaccio” casalinga, con tutta l’attrezzatura occorrente per il confezionamento dello stupefacente; quantificata in 15 grammi di cocaina suddivisi in 39 dosi, 30 grammi di cocaina custoditi in un involucro ancora da confezionare, 78 grammi di marijuana suddivisi in 36 dosi, 1 bilancino di precisione nonché 12 banconote da 20 euro.

I militari rinvenivano, inoltre, un impianto di video sorveglianza completamente abusivo installato dall’arrestato e puntato sulla pubblica via, costituito da un monitor posizionato in camera da letto, attivo e perfettamente funzionante, n. 3 microcamere occultate all’interno di una cassa-allarme posta all’esterno dell’edificio e un hard disk per la registrazione delle riprese.

La sostanza stupefacente sequestrata avrebbe consentito di immettere sul mercato dello spaccio cittadino oltre 500 dosi di stupefacente. Lo spacciatore, proprietario dell’abitazione è stato tratto in arresto e posto a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina, marijuana e telecamere per controllare la 'centrale' dello spaccio: un arresto a Bitonto

BariToday è in caricamento