Cronaca

Si rifiuta di mangiare carne di maiale, il marito la picchia a sangue

Vittima della violenza una giovane 30enne albanese. La donna, musulmana praticante, si era opposta al marito che voleva costringerla a mangiare la carne. A salvarla dalle botte del suo aguzzino una pattuglia dei carabinieri

Il marito voleva costringerla a mangiare carne di maiale, ma lei, musulmana praticante, si è rifiutata di farlo e per questo è stata picchiata a sangue. E' accaduto ieri a Bitritto, dove i carabinieri sono intervenuti in soccorso di una donna albanese di 30 anni.

Dopo aver cercato di costringere la moglie a mangiare la carne, l'uomo, un artigiano 39enne anch'egli albanese, con l'aiuto dei suoi genitori ha iniziato a picchiare violentemente la donna, incurante della presenza del loro figlioletto di due anni. La giovane, disperata, ha allora raggiunto la finestra e si è affacciata gridando aiuto. Qualcuno ha avverto i carabinieri, giunti dopo pochi minuti sul posto.


Stando al racconto della vittima, simili episodi di violenza si ripetevano ormai da tempo. L'uomo è stato subito arrestato e condotto in carcere, mentre i suoi genitori sono stati denunciati in stato di libertà per lesioni personali in concorso. La donna è stata invece accompagnata in ospedale, dove le lesioni multiple riportate durante l'aggressione sono state giudicate guaribili in 20 giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si rifiuta di mangiare carne di maiale, il marito la picchia a sangue

BariToday è in caricamento