Blitz in un negozio cinese all'ingrosso di Bari: sequestrati 100mila euro di prodotti 'Apple' e 'Samsung' taroccati

Riportavano i noti marchi ma sono risultati contraffatti: denunciato il titolare della rivendita, un cittadino cinese

Foto di repertorio

Riproducevano i noti marchi Apple e Samsung, ma sono risultati contraffatti. Oltre 9mila accessori per cellulari sono stati sequestrati dai finanzieri del Nucleo Operativo Metropolitano, coordinati dal I Gruppo della Guardia di Finanza di Bari, presso il negozio all'ingrosso di prodotti per l’elettronica di un commerciante cinese.

Il controllo delle Fiamme Gialle è scattato anche a seguito di diverse segnalazioni da parte di alcuni commercianti della zona che lamentavano l’illecita concorrenza praticata dall’imprenditore cinese con la messa in vendita, nel proprio deposito, di accessori di telefonia a prezzi molto bassi.

Una volta effettuato l’accesso nei locali aziendali, l’attenzione dei Finanzieri è stata subito richiamata dai numerosi scaffali su cui erano detenuti per la vendita all’ingrosso svariati accessori per telefonia (caricabatterie, auricolari wireless e auricolari con filo) riproducenti i marchi e i modelli Apple e Samsung. I successivi approfondimenti hanno consentito di acclarare che si trattava di prodotti contraffatti, che sono stati quindi cautelati prima che potessero andare a rifornire i dettaglianti della provincia barese.

Il commerciante cinese è stato, pertanto, deferito alla competente Autorità Giudiziaria barese per i reati di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi, frode nell’esercizio commerciale e vendita di prodotti industriali con segni mendaci.  Al termine delle attività di servizio sono stati complessivamente sequestrati oltre 9.000 accessori per telefonia, che, qualora immessi sul mercato, avrebbero fruttato all’imprenditore cinese oltre 100.000 euro.

La presente operazione testimonia la costante attenzione del Comando Provinciale di Bari nell’attività di prevenzione e di repressione della commercializzazione di prodotti non originali o comunque di illecita provenienza, che danneggia il mercato sottraendo opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole. La merce contraffatta può, inoltre, costituire un serio rischio per la salute dei consumatori, dal momento che non vi è alcuna garanzia circa la sua rispondenza ai parametri di qualità e di sicurezza della produzione legale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Violenta rissa a Bari, volano calci e pugni in strada: arrestati studente universitario e due trentenni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • Donna trovata morta in casa a Bari: l'allarme lanciato dai parenti, era deceduta da un mese

Torna su
BariToday è in caricamento