menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Una tassa per i fuorisede nella Casa dello studente", gli studenti insorgono: proposta bloccata

In Consiglio di amministrazione Adisu è stato posto il veto sull'introduzione di un contributo di 50 euro mensili per coloro che alloggiano con la borsa di studio nelle residenze

Una tassa di 50 euro al mese per gli studenti fuorisede, iscritti al primo anno dell'Università di Bari e titolari di borsa di studio, che alloggiano nelle residenze universitarie. L'integrazione al testo del bando 'Benefici e servizi' è stata presentata questa mattina in sede di Consiglio di amministrazione Adisu, creando diversi malumori tra i rappresentanti degli studenti, che volevano evitare nuovi aggravi economici per chi è costretto ad affrontare la spesa di studiare lontano da casa. 

Nella seduta odierna è stato alzato dai ragazzi di 'Up-Università protagonista' un muro nei confronti della proposta, ritenuta "un balzello aggiuntivo", ed è stata in seguito eliminata dal nuovo bando. Per tutti gli studenti titolari di borsa di studio (con reddito Isee inferiore o uguale a 23mila euro) non ci saranno quindi da versare ulteriori contributi per alloggiare nelle residenze Adisu. Rimane però il vincolo del superamento dei 20 crediti entro il 10 agosto per ottenere l'intero importo della borsa di studio. Chi raggiungerà il numero di esami richiesto entro il 30 novembre si vedrà invece dimezzato il contributo agli studi. 

"Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto in Consiglio di amministrazione Adisu - spiega la consigliera di Up Maria Erika Del Vecchio - in quanto la nostra voce è stata ascoltata e ció ha portato a non aggravare la situazione degli studenti che si trovano in situazioni economiche difficili. Continueremo a lavorare affinchè il diritto allo studio venga sempre e comunque garantito".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento