rotate-mobile
Cronaca Molfetta

Molfetta, sospetti ordigni bellici in mare: stop a bagni e pesca a Torre Gavetone e Prima Cala

Le due ordinanze emanate dalla Capitaneria di Porto in attesa delle operazioni di verifica e messa in sicurezza: i presunti ordigni sono stati localizzati rispettivamente a uno e 50 metri dalla riva

Il rinvenimento di due presunti ordigni bellici in mare ha fatto scattare a Molfetta il divieto alla balneazione e alle attività di pesca e navigazione in due distinte località: Prima Cala e Torre Gavetone.

L'interdizione, disposta dalla Capitaneria di porto con apposite ordinanze in cui vengono vietati "la balneazione, le attività di immersione, la pesca, la navigazione, lo stazionamento, l'ancoraggio ed ogni altra attività connessa con i pubblici usi del mare", è stata disposta in attesa del completamento delle attività di verifica e di messa in sicurezza.

In località Prima Cala, il presunto ordigno è stato localizzato a circa 50 metri dalla battigia, e il divieto si estende per un raggio di 150 metri dal luogo del ritrovamento. A Torre Gavetone, invece, il ritrovamento è avvenuto a circa un metro dalla costa, facendo scattare l'interdizione per un raggio di 50 metri. Si tratta dell'ennesimo ritrovamento a Molfetta, notoriamente interessata dalla presenza di residuati bellici in mare: nel 2018, ad esempio, un intervento di bonifica ha riguardato il porto della cittadina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molfetta, sospetti ordigni bellici in mare: stop a bagni e pesca a Torre Gavetone e Prima Cala

BariToday è in caricamento