Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Botte e minacce per farsi restituire il denaro prestato, in manette tre usurai

Arrestati dalla polizia due uomini di 53 e 25 anni e una donna di 26. A far scattare le manette la denuncia della vittima, che si era rivolta ad uno di loro per un prestito di 450 euro

Minacce ripetute, sfociate anche in aggressioni e botte, per costringere la vittima a restituire il denaro ricevuto in prestito. A finire in manette tre persone - due uomini, D.V. e D.A. rispettivamente di 53 e 25 anni, ed una donna, S.A. di 26 anni - arrestate dalla polizia con le accuse di  usura, estorsione e minacce e lesioni aggravate.

Gli arresti sono scattati in seguito alla denuncia presentata a maggio scorso dalla vittima, una donna barese, che trovandosi in difficoltà economiche si era rivolta al 53enne, suo conoscente, facendosi prestare la somma di 450 euro. Alla scadenza prevista per la restituzione, la donna aveva consegnato la somma, maggiorata degli interessi pattuiti, al 25enne, che si era presentato presso la sua abitazione per riscuotere il prestito. Dopo poche ore, però, il giovane si era ripresentato a casa della vittima in compagnia della 26enne, pretendendo nuovamente la restituzione della somma. Di fronte al fermo rifiuto della donna, era cominciate le minacce, ripetute nel tempo e spesso sfociate in aggressioni fisiche. Fino a quando la vittima ha trovato il coraggio di denunciare tutto alla polizia, facendo arrestare i tre usurai.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte e minacce per farsi restituire il denaro prestato, in manette tre usurai

BariToday è in caricamento