menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Apparecchiature innovative e medici specialisti: all'ospedale San Paolo apre la 'Breast Unit'

L'unità per il trattamento delle patologie del seno è stata inaugurata il primo dicembre. Oggi la visita del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano insieme al direttore della Asl Bari, Vito Montanaro

Un modello di assistenza specializzato nella diagnosi, cura e riabilitazione psico-fisica delle donne con patologia mammaria, attivo dal primo dicembre all'interno dell'ospedale San Paolo di Bari. È la 'Breast unit', unità ubicata al quarto piano della struttura ospedaliera, che mette a disposizione delle donne un gruppo di specialisti nella patologia mammaria che hanno il compito di esaminare e individuare un percorso diagnostico terapeutico mirato ad ogni singolo caso specifico.

La novità è stata presentata questa mattina durante un incontro a cui hanno partecipato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano,  il direttore generale della Asl Bari, Vito Montanaro, il direttore sanitario e il direttore amministrativo dell'ospedale San Paolo, Angela Leaci.

La Breast unit

L'unità operativa comprende un ambulatorio di arruolamento, un ambulatorio post intervento, un ambulatorio di chirurgia senologica. Sono disponibili in totale 10 posti letto, a supporto delle attività assistenziali altamente specialistiche assicurate alle pazienti. Oltre al personale medico, nella struttura del reparto di Chirurgia senologica operano i volontari delle associazione Avo e Iris, con l'obiettivo di fornire sostegno morale e diffondere una cultura della prevenzione delle patologie del seno. Per rendere meno faticoso il periodo trascorso all'interno dell'ospedale, le associazioni hanno organizzato anche delle attività collaterali per le pazienti, come il corso di origami, di cui è stata data una dimostrazione nella visita odierna.

thumbnail_IMG_2833-2
 
“Lo avevamo detto e lo abbiamo fatto – ha commentato il presidente Emiliano  - avevamo promesso alle donne pugliesi che avremmo potenziato e strutturato in modo europeo la Breast Unit e questo obiettivo è stato colto. Oggi le donne vengono accolte sin dall’inizio nel loro percorso doloroso e difficile di diagnosi e cura,
vengono trattate chirurgicamente, con la chemioterapia, vengono ricoverate, visitate in ambienti appartati, gradevoli e senza confusione, con la privacy necessaria in situazioni delicate come questa”. Ha poi aggiunto che "si possono investire tanti soldi in macchinari e non avere relazioni adeguate con le persone. Invece in questi ospedali, ma mi auguro in tutti gli altri ospedali della Puglia, anche la centralità della persona umana è stata rispettata"

“Si tratta – ha detto il direttore generale Vito Montanaro - di un percorso di cura mirato e integrato che mette la paziente, nella sua individualità e identità al centro di un modello di presa in carico che nasce dal confronto di più professionisti e segue protocolli e linee guida all’avanguardia. A disposizione dell’intero territorio e al suo servizio vi è quindi una unità di eccellenza che si distingue non solo in ambito nazionale ma anche europeo quale esempio di sana e buona gestione della sanità pubblica”.
 
 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento