Calcioscommesse, nuove rivelazioni in arrivo: Salernitana-Bari nel mirino

Il capo della polizia Antonio Manganelli annuncia importanti sviluppi nelle inchieste sul calcioscommesse. Al centro, la combine per Salernitana-Bari del 2009, cui presero parte molti giocatori oggi ancora in campo

Le inchieste sul mondo del calcioscommesse porteranno presto a nuovi sviluppi, se possibile ancora più clamorosi di quelli cui si è assistito finora. Ad annunciarlo è stato ieri il capo della polizia Antonio Manganelli. E al centro delle nuove rivelazioni c'è ancora una volta il Bari, e nello specifico la partita Salernitana-Bari del 2009. A ricostruire le indagini su quella combine sono oggi su Repubblica i giornalisti Giuliano Foschini e Marco Mensurati.

La verità su quella partita, scrivono i giornalisti, potrebbe "far saltare il banco del calcio italiano". Una partita cui Micolucci faceva riferimento in un fax inviato al procuratore Figc Palazzi, e rimasto ignorato per lungo tempo tra le carte depositate dell'inchiesta. Fino a quando, portato all'attenzione proprio da Repubblica, è diventato oggetto d'indagine da parte del procuratore di Bari Laudati.

Tanti i calciatori che avrebbero preso parte a quella combine. Secondo la ricostruzione riportata dal giornale, due giocatori della Salernitana, Fusco e Ganci, avrebbero cercato contatti all'interno dello spogliatoio del Bari: due i giocatori biancorossi più disponibili a trattare, Stellini e Gillet. Alla fine l'accordo fu fatto, e ci fu un primo incontro in una piazzola di sosta in autostrada.  Si decise che emissari della Salernitana avrebbero visto la partita insieme con la compagna di uno dei calciatori del Bari. E, a risultato conseguito, avrebbero lasciato la valigetta con i soldi: il risultato fu di 3-2. All'indomani i calciatori si spartirono il bottino (tra i 200 e i 300mila euro): a Gillet, Stellini ed Esposito, che avevano avuto il ruolo principale nella combine, le quote più grosse, agli altri quelle più piccole. Ancora in dubbio, però, è il ruolo di due di loro: Ranocchia e Gazzi. Quest'ultimo, secondo alcuni testimoni, inizialmente rifiutò la propria parte e poi fu costretto ad accettare un computer "in omaggio". Ancora meno chiara la posizione di Ranocchia: secondo qualcuno prese la busta, secondo altri rifiutò. L'inchiesta della Procura di Bari è ormai in dirittura d'arrivo, ma a terrorizzare i calciatori sono i processi sportivi. Ranocchia, ad esempio, rischia un'omessa denuncia, così come anche Antonio Conte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In quel periodo sulla panchina del Bari c'era Antonio Conte. L'allenatore - che potrebbe essere deferito dalla Figc per omessa denuncia - ha però dichiarato di essere stato all'oscuro della combine, e la sua versione sarebbe stata confermata dai giocatori. Tutti, tranne uno, secondo il quale Conte avrebbe capito perfettamente che quella partita era stata venduta, tanto da raccomandarsi con i suoi di non fare sciocchezze e di giocare al massimo. Ma a stabilire se davvero Conte si fosse accorto o no dell'avvenuta compravendita saranno gli investigatori a stabilirlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia undici nuovi casi: cinque contagi registrati nel Barese, i pazienti positivi salgono a 170

  • Coronavirus, la Puglia registra 23 nuovi casi. Tre positivi nel Barese: "Due già in isolamento, un altro paziente arrivato da fuori regione"

  • "Il Covid colpisce anche d'estate. Sbagliato salutare con baci e abbracci": l'infettivologa invita a non abbassare la guardia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Bari usano... il freddo!

  • Sette nuovi casi di Coronavirus in Puglia (su oltre 2200 test): tre sono in provincia di Bari

  • Temporali in arrivo nel Barese: la Protezione civile lancia l'allerta meteo gialla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento