Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Caldo intenso e afa, l'anticiclone africano non molla: "In arrivo la settimana più rovente dell'estate". A Bari due giorni da 'bollino rosso'

L'alta pressione africana torna a rafforzarsi: nel bollettino del Ministero della Salute sulle ondate di calore segnalato il massimo livello di allerta per le giornate di martedì e mercoledì

Il caldo africano non molla, e anche per la città di Bari si prospetta un'altra settimana di afa e temperature bollenti. Non a caso, Bari è tra le città indicate con il 'bollino rosso' per i giorni di martedì 10 e mercoledì 11 agosto nel bollettino del Ministero della Salute sulle ondate di calore. 

L'allerta sulle ondate di calore

"Le ondate di calore - è spiegato sul sito del Ministero - si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione. Queste condizioni climatiche possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione". Il livello 3 di allerta (contraddistinto, appunto dal bollino rosso) indica "condizioni di emergenza (ondata di calore) con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche. Tanto più prolungata è l’ondata di calore, tanto maggiori sono gli effetti negativi attesi sulla salute".

Le previsioni meteo su Bari

Queste le previsioni di 3bmeteo.com per la prossima settimana, a cura del previsorre Alex Guarini: "In avvio di settimana l’alta pressione africana tornerà prepotentemente a riprendersi la scena meteorologica con l’ennesima ondata di caldo della stagione. Il tempo si manterrà così stabile e perlopiù soleggiato, salvo nubi alte di passaggio, almeno sino al Ferragosto, con caldo intenso. Attese punte di 40/41°C nel corso della settimana nelle interne, a Bari tanto sole e termometro sui 35/37°C".

Le previsioni generali di 3bmeteo sulla settimana di Ferragosto

“La settimana entrante sarà con molta probabilità la più calda dell'estate 2021 su tutta l'Italia”, conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega, “questo a causa di potente anticiclone africano che ingloberà tutta la Penisola nei prossimi giorni, ponendo fine anche alla lunga sequenza di temporali che ha interessato diverse aree del Nord per quasi due mesi. Il tempo sarà quindi in prevalenza stabile e soleggiato, sebbene i cieli potranno a tratti venire offuscati da nubi medio-alte di passaggio, specie al Centrosud e tra martedì e mercoledì, quando non si esclude anche qualche fugace piovasco. Da segnalare inoltre ancora la possibilità di qualche breve rovescio o temporale su Alpi e Prealpi, ma si tratterà di eventi di ordinaria amministrazione estiva; qualche manifestazione più intensa potrà interessare i settori dolomitici e alto atesini”. “Come già anticipato tutta l'Italia sarà sotto la canicola africana, ma sarà al Sud che il caldo risulterà a tratti estremo” - avverte Ferrara di 3bmeteo.com - “in particolare su zone interne di Sicilia e Sardegna si potranno raggiungere picchi di 43-45°C, fino a 41-43°C in Calabria, 38-40°C sul resto del Sud. Punte di 38-39°C saranno possibili anche sulle aree interne del Centro, fino a 35-36°C al Nord con picchi di 38°C sull'Emilia Romagna. Al caldo si aggiungerà l'afa, che si farà elevata e opprimente, specie in Valpadana, lungo le coste e in generale nelle aree urbane durante le ore serali. Proprio nelle grandi città si soffrirà anche di notte, con rilascio di calore prolungato e minime che potrebbero non scendere sotto i 23-24°C. Minime notturne elevate anche sui settori costieri, dove l'afa si farà sentire per via dei maggiori tassi di umidità. Tra le città più roventi segnaliamo Nuoro, Sassari, Palermo, Catania, Siracusa, Agrigento, Cosenza, Reggio Calabria, Benevento, Matera, Foggia, Sulmona, Frosinone, Roma, Viterbo, Terni, Perugia, Firenze, Grosseto, Fabriano, Bologna.” “Anche il weekend di Ferragosto si prospetta in prevalenza soleggiato ma soprattutto molto caldo. Caldo che andrà ulteriormente intensificandosi al Nord, dove si potranno raggiungere picchi di oltre 37-38°C, mentre si smorzerà almeno parzialmente al Sud pur rimanendo comunque piuttosto intenso. Da segnalare inoltre la possibilità di qualche occasionale temporale sulle Alpi, non escluso anche in Valpadana sul finire della domenica di Ferragosto qui con associato calo termico. Per questa evoluzione seguiranno comunque importanti aggiornamenti. ” - concludono da 3bmeteo.com
 

I consigli generali del Ministero della Salute contro le ondate di calore

Di seguito le indicazioni fornite dal Ministero della Salute per affrontare le ondate di calore.

Consulta ogni giorno il Bollettino della tua città.

Evita di esporti al caldo e al sole diretto nelle ore più calde della giornata (tra le 11.00 e le 18.00): temperatura e umidità elevate non possono prevenire il rischio di infezione da SARS-CoV-2, mentre possono provocare sintomi associati al caldo e ustioni. 

Evita le zone particolarmente trafficate, in particolare per i bambini molti piccoli, gli anziani, le persone con asma e altre malattie respiratorie, le persone non autosufficienti o convalescenti. Recati in luoghi pubblici come parchi e giardini nelle ore più fresche della giornata, rispettando sempre le distanze di sicurezza. Evita i luoghi affollati.

Esci nelle ore più fresche, mantenendo la distanza di almeno un metro dalle altre persone. Lavati spesso le mani o utilizza i gel igienizzanti. Indossa la mascherina anche se fa caldo. coprendo bene naso e bocca.

Evita l’attività fisica intensa all’aria aperta durante gli orari più caldi della giornata.

Trascorri le ore più calde della giornata nella stanza più fresca della casa, bagnandoti spesso con acqua fresca.

Utilizza correttamente il condizionatore. Se hai solo il ventilatore utilizzalo seguendo alcuni accorgimenti (leggi l'opuscolo Come migliorare il microclima delle abitazioni).

Trascorri alcune ore in un luogo pubblico climatizzato, in particolare nelle ore più calde della giornata.

Assicura un adeguato ricambio di aria, utile per ridurre il rischio di trasmissione del virus: la ventilazione naturale determina un miglior ricambio dell’aria rispetto alla ventilazione meccanica.

Indossa indumenti chiari, leggeri, in fibre naturali (es. cotone, lino), riparati la testa con un cappello leggero di colore chiaro e usa occhiali da sole.

Proteggi la pelle dalle scottature con creme solari ad alto fattore protettivo.

Bevi liquidi, moderando l’assunzione di bevande gassate o zuccherate, tè e caffè. Evita, inoltre, bevande troppo fredde e bevande alcoliche.

Segui un'alimentazione leggera, preferendo la pasta e il pesce alla carne ed evitando cibi elaborati e piccanti; consuma molta verdura e frutta fresca. Fai attenzione alla corretta conservazione degli alimenti deperibili (es. latticini, carne), in quanto elevate temperature possono favorire la proliferazione di germi patogeni causa di disturbi gastroenterici.

Se assumi farmaci, non sospendere autonomamente terapie in corso, ma consulta il tuo medico curante per eventuali adeguamenti della terapia farmacologica. 

Fai attenzione alla corretta conservazione dei farmaci, tienili lontano da fonti di calore e da irradiazione solare diretta e riponi in frigo quelli che prevedono una temperatura di conservazione non superiore ai 25-30°C.

Se l’auto non è climatizzata evita di metterti in viaggio nelle ore più calde della giornata (ore 11-18). Non dimenticare di portare con te sufficienti scorte di acqua in caso di code o file impreviste (leggi l'opuscolo Estate, viaggiare sicuri).

Non lasciare persone non autosufficienti, bambini e anziani, anche se per poco tempo, nella macchina parcheggiata al sole (leggi l'opuscolo Mai lasciare i bambini soli in macchina).

Assicurati che le persone malate o costrette a letto non siano troppo coperte.

Offri assistenza a persone a maggiore rischio (ad esempio anziani che vivono da soli) e segnala ai servizi socio-sanitari eventuali situazioni che necessitano di un intervento. Nelle persone anziane un campanello di allarme è la riduzione di alcune attività quotidiane (spostarsi in casa, vestirsi, mangiare, andare regolarmente in bagno, lavarsi) che può indicare un peggioramento dello stato di salute.

In presenza di sintomi dei disturbi legati al caldo contatta un medico (vai alla sezione I rischi per la salute).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo intenso e afa, l'anticiclone africano non molla: "In arrivo la settimana più rovente dell'estate". A Bari due giorni da 'bollino rosso'

BariToday è in caricamento