Cronaca

Calano i ricoveri nelle Terapie intensive pugliesi: ospedali tre punti sotto la soglia critica

Al momento è occupato il 27 per cento delle Terapie intensive, mentre nell'area medica, che comprende i reparti di malattie infettive, pneumologia e medicina interna, l'occupazione rilevata è pari al 36 per cento

Numeri in calo per i ricoveri in Terapia intensiva negli ospedali pugliesi. La conferma arriva dall'ultimo report di Agenas, l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali: nelle terapie intensive il 27 per cento dei posti letto è occupato da pazienti Covid, contro il 28 per cento della settimana scorsa. Scendono così a tre punti sotto la soglia critica fissata dal Ministero della Salute (30 per cento). Invece nell'area medica, che comprende i reparti di malattie infettive, pneumologia e medicina interna, l'occupazione rilevata è pari al 36 per cento, quattro punti percentuali in meno rispetto al limite fissato dal ministero della Salute.

L'attesa per le nuove misure

Intanto si attende l'esito delle ultime rilevazioni inviate al Ministero per decidere l'eventuale cambio di restrizioni per la Puglia. Secondo le prime indiscrezioni, la regione non sarebbe tra quelle a rischio 'soft lockdown' - con conseguente declassamento in zona arancione - quindi potrebbe essere confermata la zona gialla. Rimane sempre il rischio di nuove restrizioni che potrebbero essere imposte a livello locale per fronteggiare le nuove varianti, come anticipato in un'intervista dall'assessore regionale Pier Luigi Lopalco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calano i ricoveri nelle Terapie intensive pugliesi: ospedali tre punti sotto la soglia critica

BariToday è in caricamento