menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La storia di Jhonny, meticcio ferito da due cani e adottato da una famiglia barese: gara di solidarietà su Facebook

l tam tam a sostegno del cane sui social, anche grazie alla generosità di una cittadina che lo ha accudito con amore in condizioni difficili

Una raccolta fondi per aiutare un meticcio ferito gravemente dopo essere stato aggredito da due cani a Japigia. Il tam tam a sostegno di Jhonny passa attraverso Facebook e dalla generosità di una cittadina che ha recuperato il cane, in condizioni difficili, e lo ha adottato con amore.

"La storia di Jhonny - spiega Giovanna a BariToday - inizia circa 15 giorni fa. Mentre percorro una via del quartiere Japigia per prendere la tangenziale mi accorgo di questa cane in condizioni pessime sul ciglio di una strada, si intravedono due cani che penso siano stati loro ad aggredirlo. Non ci ho pensato due volte e ho soccorso il cane portandolo alla clinica più vicina, le ferite riportate erano gravi, aveva bisogno di un operazione chirurgica plastica per le ferite e una operazione ortopedica alla zampa anteriore sinistro per una frattura esposta ormai infetta, per pagare le spese mediche veterinarie ci è stata la raccolta fondi su fb, dove molta gente di buon cuore ha donato raggiungendo la somma dovuta per l'operazione".

"Nel frattempo io e mio marito  - aggiunge - abbiamo deciso di adottarlo perchè il solo pensiero che potesse ritornare per strada o in canile dopo quello che gli è capitato ci faceva stare male. Tutto è andato bene fino al giorno delle dimissioni, ci stiamo ritrovati di nuovo con le spalle al muro. Ci spiegano che per la guarigione é abbastanza lunga e complicata, il cane necessita di continue medicazioni e monitoraggio del fissatore esterno che ha alla zampa operata".

Chiunque sia interessato a dare una mano, può rivolgersi alla pagina facebook  creata da Giovanna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento