Zero Tari per chi adotta cani, la proposta di Romito bocciata dalle associazioni: "Animali non sono oggetti"

In una nota congiunta, Lav, Nati per Amarti, Enpa, Animal Law, Movimento Animalista, Legalo al Cuore, Rifugio di Rosa e Fuori di Coda esprimono "dissenso" verso l'iniziativa del consigliere comunale

La proposta lanciata dal consigliere comunale barese di centrodestra Fabio Romito sulla riduzione della Tari fino a 600 euro per coloro che vogliano adottare un cane, non piace a diverse associazioni animaliste cittadine. In una nota congiunta, Lav, Nati per Amarti, Enpa, Animal Law, Movimento Animalista, Legalo al Cuore, Rifugio di Rosa e Fuori di Coda esprimono "dissenso" verso l'iniziativa: "L’adozione di un cane dal canile - scrivono in una nota - è un grande gesto di responsabilità, deve essere ragionata e scaturire da attenta valutazione dell’impegno che ne consegue a tutti i livelli. Agganciare l’adozione a motivazioni diverse, soprattutto se di ordine economico, significa snaturare il gesto disinteressato, distorcerne l’ottica. Evidentemente il consigliere Romito non ha maturato esperienza in tal senso e avrebbe dovuto consultarsi prima con le associazioni e i volontari, impegnati ogni giorno su questo fronte, per rendersi conto del fatto che i canili si svuotano agendo innanzitutto con la prevenzione, ad esempio con il controllo a tappeto del rispetto dell’obbligo di microchip, con politiche tese a incentivare le sterilizzazioni dei cani padronali, con progetti educativi e di sensibilizzazione" e non solo.

"I cani nei canili sono quasi tutti stati abbandonati"

Per le associazioni, "a quasi totalità dei cani in canile è frutto di abbandoni pilotati, facilitato dalla mancanza appunto dei microchip (obbligatori) o da rinunce di proprietà, non si tratta praticamente mai di randagi. Esonerare dalla TARI significa incoraggiare gli adottanti ad equiparare il cane ad 'oggetto di scambio' (il cittadino fa un’opera di bene e l’amministrazione deve dare un segnale, sono queste le parole usate dal consigliere Romito)" si legge ancora nella nota". 

A Locorotondo l'idea è diventata realtà: adotti un cane e non paghi la Tari

"Il consigliere - proseguono le associazioni animaliste - parla di istituzione di task force apposita per il controllo a posteriori delle adozioni. Ebbene, noi chiediamo invece di impegnarsi affinché si vigili seriamente sul rispetto degli obblighi di legge vigenti, sul controllo degli esercizi commerciali che vendono cani (tristemente noti da anni in città) e sul fiorente mercato di cucciolate casalinghe vendute per poche centinaia di euro da privati o regalate senza alcun criterio con un semplice passaparola o sui social, sotto gli occhi di tutti. Sono quelli, infatti - concludono gli attivisti -. i cani che entrano nei canili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

Torna su
BariToday è in caricamento