rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Bari Vecchia / Piazza Giuseppe Massari

Cantiere giardino d'Isabella d'Aragona, "Stop durante il G7, lavori conclusi entro luglio"

Proseguono i lavori nell'area a ridosso del Castello Svevo. Già realizzati gli impianti sotterranei di irrigazione e illuminazione. Galasso: "Saranno piantati 52 alberi di leccio"

Una piccola pausa a ridosso del G7 di metà maggio, poi senza sosta fino a luglio: proseguono i lavori per il rifacimento del giardino Isabella d'Aragona, a due passi dal Castello Svevo di Bari. Il cantiere, cominciato a novembre e proseguito non senza polemiche per l'abbattimento dei pini, con conseguente blocco e poi sblocco dei lavori da parte della Soprintendenza, ha subito un'accelerazione negli ultimi mesi, anche in vista dell'importante vertice internazionale che vedrà la città di Bari accogliere i leader economici e finanziari dei 7 Paesi più industrializzati, della Bce, del Fmi e della Banca Mondiale. La sede principale degli incontri sarà proprio il Castello Svevo e, soprattutto per questa ragione, i lavori verranno sospesi per alcuni giorni. Il cantiere verrà smontato e poi rimontato dopo circa una settimana. A quel punto, secondo il programma degli interventi, dovrebbe essere stata ultimata la gran parte della ristrutturazione. Resteranno da posare, infatti, solo i cordoli, parte della pavimentazione e i pali della luce.

Nel corso dell'inverno, infatti, sono state realizzate la maggior parte delle opere: "Al momento - spiega l'assessore comunale ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso - sono stati ultimati gli impianti sotterranei di irrigazione e illuminazione. Sul lato più vicino a piazza Massari sono in corso le opere di risistemazione delle basole, un po' come avvenuto in piazza Federico di Svevia. Il resto del giardino avrà il basolato nella fascia a ridosso della Questura e calcestruzzo architettonico all'interno dei viali, prima ricoperti di asfalto. Stopperemo il cantiere nei giorni del vertice, lasciando l'area momentaneamente con un massetto di cemento che richiamerà la forma delle stradine, rimaste inalterate. Alla ripresa, invece, saranno collocati i cordoli delle aiuole e la pavimentazione definitiva, installando poi i pali illuminanti e una pista ciclabile sul lato della Questura". Infine, verranno piantumati 52 nuovi lecci: "Recupereremo - rimarca l'assessore - sostanzialmente lo stesso numero delle piante precedenti, disponendole in maniera ottimale per consentire lo sviluppo delle chiome".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantiere giardino d'Isabella d'Aragona, "Stop durante il G7, lavori conclusi entro luglio"

BariToday è in caricamento