menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Job Center di Porta Futuro

Il Job Center di Porta Futuro

Cantieri di Cittadinanza, assunta una persona su 4. Decaro: "Nuovo bando a settembre"

I numeri del progetto realizzato dal Comune a poco più di un anno dall'avvio: oltre 1100 cittadini idonei. Romano: "Per il 2016 stanziati oltre 800mila euro in più a bilancio"

Centoventi cantieri già terminati e 3175 colloqui per una platea di 1149 cittadini risultati idonei, con una percentuale di una persona su 4 assunta: sono i numeri del progetto 'Cantieri di cittadinanza', realizzato dal Comune di Bari per promuovere l'inclusione lavorativa di soggetti deboli con tirocini formativi di 4 mesi retribuiti con 400 euro al mese. L'iniziativa, cominciata circa un anno fa, ha visto al centro il job center di Porta Futuro, la struttura nella Ex Manifattura Tabacchi in cui si sono svolte le interviste con i candidati e le imprese. La piattaforma ha visto già l'accreditamento di circa 2750 persone e 50 aziende: "Un’amministrazione comunale - ha spiegato il sindaco di Bari, Antonio Decaro - non ha competenze in materia di lavoro e, nonostante questo, abbiamo cercato ugualmente di fare la nostra parte con i mezzi che abbiamo a disposizione, tenendo saldo l’obiettivo di non creare una procedura di mero assistenzialismo ma realizzando percorsi di  inclusione attiva in cui l'amministrazione prova a farsi intermediario tra la domanda e l’offerta di lavoro. In questo scenario l’azione di Porta Futuro è determinate perché rappresenta una risposta immediata e professionale alla domanda di lavoro sempre più eterogenea. Per questo stiamo valutando il progetto di incardinare sportelli di Porta Futuro sull’intera area metropolitana”.

“Vista la buona risposta del progetto in questa prima fase di sperimentazione – ha affermato l'assessore cittadino alle Politiche del Lavoro, Paola Romano – abbiamo deciso di stanziare nel civico bilancio per il 2016 ulteriori 800.000 euro che serviranno a finanziare altri tirocini. Questo perché crediamo di aver innescato un percorso virtuoso che permette a tante persone di rimettersi in gioco nel mondo del lavoro ma anche a tante aziende locali di aprirsi al territorio e di riallacciare un rapporto di fiducia con le amministrazioni pubbliche. Entro il prossimo mese di settembre contiamo di pubblicare il nuovo bando per individuare nuovi cittadini idonei e altre realtà imprenditoriali con la fortuna, quest’anno, di avere un alleato dalla nostra parte. Nello stesso periodo, infatti, potrebbe essere attivo anche Red, la misura regionale per l’inclusione sociale e lavorativa che interverrà anche nella città di Bari a sostegno di tanti altri cittadini che in questo momento versano in condizioni di difficoltà economiche". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento